Ormai da diversi anni la situazione economica dei club calcistici italiani non è in buone condizioni. Recentemente in Serie C abbiamo assistito a società pesantemente penalizzate o addirittura fallite nel corso della stagione. Tutto ciò ha portato a falsare la disputa di interi tornei, ribaltando i risultati del campo e le classifiche.

Il nuovo regolamento, applicato per il campionato in corso, non sta però portando i frutti sperati. Tante squadre rischiano di non terminare la stagione tra stipendi non pagati e proprietà desiderose di vendere. Circostanza simile a quella degli anni passati, che ha portato al ritiro di Matera, Modena e Pro Piacenza oltre ad una miriade di sanzioni (ad esempio nel Girone C degli ultimi due anni ci sono stati ben 63 punti di penalizzazione).

Al momento tra le avversarie del Bari ci sono squadre in grave apprensione. Su tutti il Rieti, che potrebbe addirittura non scendere in campo per protesta nella sfida di domenica contro la Reggina. La compagine laziale, nonostante il recente passaggio di proprietà, è in totale confusione: calciatori e staff non pagati da luglio come le bollette e alcuni fornitori. La data clou è quella del 16 dicembre, entro la quale la società dovrà saldare tutti gli arretrati per non essere esclusa dal campionato. Da evidenziare però che in caso di due rinunce sul campo da parte dei giocatori, la squadra sarebbe automaticamente fuori prima del termine sopracitato. 

Questo potrebbe portare ai primi ribaltamenti di classifica con alcune squadre che potrebbero ricevere dei punti persi sul campo come Potenza, Teramo e Viterbese. Infatti in caso di abbandono verrebbero assegnate tutte sconfitte a tavolino, incluse le gare già disputate.

Ad Avellino la situazione è controllata dal Tribunale giudiziario dopo il disimpegno della Sidigas (i proprietari) dovuto ai 97 milioni di debito (relativi non solo ai lupi ma all'intera azienda). I commissari hanno così portato avanti la costruzione della rosa e la gestione economica dell'intera società, gestendo oculatamente il minimo budget a disposizione (residuo in cassa e sponsorizzazioni). Per adesso nessuna regolarità ma il rischio è che i soldi possano terminare prima del termine del campionato. Occorre, dunque, trovare dei nuovi acquirenti per evitare complicazioni nei prossimi mesi. Il passaggio di proprietà potrà però avvenire solo con l'avallo dei proprietari, che fino ad ora non è arrivato dinanzi ad alcune offerte. 

Le novità delle ultime settimane riguardano il Bisceglie con il presidente Canonico solo al comando. Tutta la dirigenza ha presentato le dimissioni. Lo stesso proprietario ha annunciato che questa sarà l'ultima stagione della squadra sotto la sua proprietà ma che terminerà regolarmente la stagione. Svolte in arrivo? Ci auguriamo di no ma il pericolo rimane sempre dietro l'angolo. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 14 Novembre 2019 alle 23:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print