Il campionato di Serie A femminile è in pausa per gli impegni della nazionale e così a prendersi la scena sono due biancorosse. La prima è Debora Novellino, nipote dell'allenatore Walter, ormai veterana dato che milita nella Pink dal 2014. Autrice della doppietta che ha permesso alla sua squadra di pareggiare 2-2 a Milano contro l'Inter, la Novellino ha scritto un lungo post sul suo account Instagram, in cui parla di come il calcio sia stata l'unica salvezza per uscire da un momento buio.

"Ho lottato tante volte, e non mi sono mai esposta più di tanto, ho lottato quando il mio corpo e la mia testa non ce la facevano più... ma non ho mai dato modo alla gente di parlare, perché mi sono fatta sempre vedere con il sorriso... da tanti mesi vivo ogni giorno con ansia e anche qualche attacco di panico (...). Quest’estate volevo lasciare il calcio, perché avevo paura di continuare a fare tutto della mia vita, ma soprattutto avevo paura di sentirmi male, succede ancora, molto spesso. Ma quest’oggi posso dire che anche se l’ansia non è mai andata via da quel primo luglio, il calcio è stata la mia unica salvezza! Alcune volte bisogna avere il coraggio per parlare con tutti e di non vergognarsi, ed io non la chiamo vergogna, ma forza di rinascita. Ogni giorno è un nuovo inizio".

La seconda protagonista è l'estremo difensore della Pink Paula Myllyoja, che ha raccontato ai microfoni di Eurosport di come abbia superato una grave malattia: "Tredici anni fa ho avuto la leucemia. L'ho combattuta, l'ho vinta e oggi sono una calciatrice professionista che difende la porta della propria nazionale. E non potrei essere più felice. All’improvviso mi sentii male su quel pullman, ebbi un’emorragia celebrale e mi diagnosticarono la leucemia (...).Oggi quel ricordo mi è di grande aiuto in partita. Bari è una delle città più belle del mondo, mi sono subito ambientata alla grande e sono quella che ha il maggior numero di presenze. In Italia ho trovato un calcio in grande crescita, grande organizzazione e delle ottime compagne di squadra".

Sezione: La Bari in Rosa / Data: Ven 28 febbraio 2020 alle 20:30
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print