Il Bari di Vincenzo Vivarini cresce a vista d'occhio: la difesa sta rispondendo nel migliore dei modi al cambio di sistema, mentre l'attacco sta trovando in Terrani e Simeri il supporting cast perfetto da affiancare ad Antenucci. Ciò che ancora manca è l'apporto costante del centrocampo, sia in termini realizzativi che qualitativi. Questo è dovuto ad una conformazione del reparto non totalmente aderente con le idee di Vivarini, che fondando il suo gioco sul possesso palla e il dominio territoriale predilige calciatori dalle qualità ben definite.

Nell'attuale rosa del Bari i due centrocampisti dei quali difficilmente Vivarini riuscirà a fare a meno sono Bianco e Hamlili. Entrambi sono precisi sul lungo e sul corto, e si alternano brillantemente nella costruzione e rifinitura dell'azione. Hamlili è probabilmente anche fra le prime alternative a Bianco nel ruolo di vertice basso, dove in alcune occasioni è stato impiegato anche Schiavone. Lo stesso Schiavone, e con lui anche Scavone, occupa il ruolo di centrocampista incursore, che dovrebbe dare maggiore sostegno al trio d'attacco in fase realizzativa. Per caratteristiche Scavone sembra più adatto, ma i tanti problemi fisici ne stanno limitando l'impatto. La loro posizione nella rosa del Bari attualmente non è in dubbio, ma se si decidesse di optare per una rivoluzione in mezzo al campo potrebbero essere coinvolti.

Discorso diverso va fatto per Awua e Folorunsho: entrambi in questo momento sono in fondo alle gerarchie, con il primo che però sembra più avvezzo a dar riscontri anche da subentrato. Folorunsho quando impiegato ha sempre deluso, non sembra inverosimile l'ipotesi che la sua avventura a Bari finisca già a gennaio.

Oltre alle uscite il mercato sarà importante per definire quelli che saranno gli attesi rinforzi. Gli ultimi rumor suggeriscono un interesse del Bari per Alessandro Di Paolantonio, centrocampista dell'Avellino con il gol nelle corde e un lungo trascorso nel Teramo di Vivarini. Le caratteristiche del giocatore: buona tecnica e ottima qualità negli inserimenti. Lecito aspettarsi anche un giocatore meno offensivo ma più abile nel consolidare il possesso, come prima reale alternativa ai due stakanovisti Bianco e Hamlili. Quel che par certo è che ad ogni entrata (fino a due), corrisponderà un'uscita.

Sezione: News / Data: Mar 10 dicembre 2019 alle 20:00
Autore: Giovanni Fasano
Vedi letture
Print