Compie oggi 73 anni, Giampiero Ventura. Mister Libidine per i tifosi biancorossi, è intervistato dal Corriere del Mezzogiorno. "Ad agosto ho deciso di prendermi un anno sabbatico e invece, visto ciò che sta succedendo e l’impossibilità di muoversi, avrei fatto meglio a proseguire. Cerco di cogliere il lato positivo delle cose. Guardo partite e giocatori, mi aggiorno", spiega. "La parte bella? Il piacere di veder giocare l’Atalanta e la sorpresa di osservare il Milan in quella posizione. È meritatamente lì dov’è, ha giocatori di qualità, ha compattezza.Esi percepisce la voglia di pensare da squadra. In più c’è la sorpresa del Sassuolo, che sul piano del gioco ha tante idee. Caputo? L’ho fatto esordire in serie A. Era giovanissimo e con il tempo ha fatto passi da gigante. Conosce il calcio, sa giocare per la squadra e con la squadra. Per le caratteristiche che ha, penso possa fare assolutamente bene anche in nazionale. Castrovilli? Era un predestinato. L’anno scorso ha disputato un campionato strepitoso, risultando uno dei migliori in assoluto. Quest’anno invece sta pagando un po’ il rendimento della Fiorentina. Ma il futuro è dalla sua parte".

Sulla Nazionale... "La cosa che non rifarei è sicuramente allenare la Nazionale. Non c’erano i presupposti per mettere in pratica la mia idea di calcio. Diciamo così: è stato un errore di cuore, non di testa".

Sezione: News / Data: Gio 14 gennaio 2021 alle 14:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print