L’obiettivo del Bari, chiaramente, resta quello di vincere la battaglia dei playoff, e di poter così tornare in quella serie cadetta salutata ormai tre anni fa, a causa delle note vicende legate al fallimento del club. Ma se, come già accaduto nello scorso campionato, le cose dovessero andar male, i galletti sarebbero costretti a disputare ancora un’altra stagione in Lega Pro.

 In tal caso, le avversarie per il salto di categoria sarebbero in gran parte le stesse di quest’anno, ad esclusione della Ternana, promossa in B, e di un’eventuale diretta concorrente dei galletti, che potrebbe vincere la lotteria degli spareggi.

In zona playout, invece, la Cavese è quasi condannata a retrocedere direttamente, poiché il distacco dalla quartultima, attualmente la Vibonese, prossima antagonista del Bari, ammonta a ben 15 lunghezze. I campani, per disputare i playout, dovrebbero riuscire nell’impresa di ridurre il gap ad un massimo di 8 punti. Se non dovessero farcela, ripartirebbero dai dilettanti, insieme alla perdente  del match che vedrà confrontarsi, in gare di andata e ritorno, penultima e terzultima della classe. Al momento questo doppio confronto vedrebbe impegnate Bisceglie e Paganese.

Dalla serie D, invece, saliranno, come al solito, 3 compagini, per riportare le squadre partecipanti al girone C al numero di 20, dopo quest’annata che ha visto l’esclusione del Trapani. Tra le candidate alla promozione dalla D c’è certamente il Taranto, che potrebbe far diventare di nuovo realtà il derby di Puglia forse storicamente più sentito, che manca dal lontano 1993. I rossoblu devono guardarsi, nel raggruppamento H, dalla concorrenza del Casarano, lontano 8 lunghezze, ma con due gare in meno.

Nel girone I, invece, si profila una lotta fratricida tra le due squadre di Messina, divise da 5 punti, con terzo incomodo il lucano Gelbison. Situazione meglio definita nel girone G, dove il laziale Monterosi sembra lanciato, con un importante +5 sul Vis Artena, ed anche una partita in meno.

Sezione: Serie C / Data: Gio 01 aprile 2021 alle 18:00
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print