C'è grande curiosità per la prima uscita ufficiale del Bari di Gaetano Auteri, in programma domani pomeriggio contro il Trastevere. Per saperne di più abbiamo sentito Federico Giampaolo. L'ex attaccante biancorosso, intercettato in esclusiva dai nostri microfoni, si è così soffermato sulla sfida di Coppa Italia: "Un test per valutare la condizione fisica di tutti i giocatori e a livello tecnico-tattico. Il risultato passerà in secondo piano. Secondo me può dire qualcosa in più anche per cercare di migliorare". 

Positivo il parere sul nuovo allenatore: "Auteri in Serie C è sempre stato una grande garanzia, mi meraviglio che non abbia fatto il salto di qualità perchè le sue squadre sono sempre vive, propositive, giocano un ottimo calcio e creano tanto. Ora ha la grande occasione di allenare una squadra importante come il Bari con delle grande potenzialità sia a livello di pubblico che economico. Stanno costruendo una rosa adatta alle sue caratteristiche, al modo di giocare. Il 3-4-3 è un bel modulo, se lo fai bene, le avversarie vanno in difficoltà. Auteri ha sicuramente la capacità di dare un'identità di gioco alla squadra, che è fondamentale".

Sul mercato: "L'anno scorso si è speso tanto per portare a casa giocatori importanti. Ma anche quest'anno ha un organico fuori categoria. Secondo me questo mercato cerca di farlo l'allenatore, conoscendo bene la serie C. Cosa manca? Con Auteri i quarti di centrocampo danno tantissimo perchè devono fare entrambe le fasi con intensità. Per me servono sicuramente dei ricambi, giocatori di qualità e quantità. Possibile addio di Simeri? Penso che la priorità sia prendere giocatori adatti al modulo. Chi va via non significa che non è bravo ma che forse per questo atteggiamento tattico può trovare difficoltà o comunque non riuscire ad esprimersi al meglio". 

Chiosa finale sulle ambizioni stagionali e gli errori da commettere: "Deve fare un campionato di vertice perchè è ovvio che sia così. La piazza in C soffre. Il campionato è molto duro, ci sono squadre forti come il Palermo ma in tante puntano a vincere. Allo stesso tempo bisogna cercare di sbagliare il meno possibile e avere continuità. L'anno scorso c'è stata nei risultati ma troppi pareggi. Ora il livello si è alzato e bisogna cercare di vincere più spesso. Chi sbaglia meno, chi trova subito la quadra potrà essere avvantaggiato nell'arco del campionato".

Sezione: Esclusive / Data: Mer 23 settembre 2020 alle 13:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print