Intervistato da TuttoBari.com, l'ex centrocampista Danilo Ronzani, che la casacca biancorossa l'ha indossata dal 1978 al 1983, ha parlato dell'attuale delicato momento per il nostro paese: "La situazione è tragica, speriamo che il peggio sia alle spalle e che ci sia la possibilità di tornare alla vita normale. Oggi il calcio passa in secondo piano, tanta gente sta morendo e noi siamo confinati in casa, credo che una situazione del genere non ci fosse neanche in guerra. Sarà molto difficile riprendere i campionati".

Spazio ad un commento sulla stagione del Bari: "La Reggina ha fatto un campionato incredibile, ma credo che la forza dei biancorossi sia evidente. Sappiamo che la squadra è in C per motivi societari ma non merita la categoria: in queste situazioni vincere i campionati è difficile, ci si trova di fronte realtà e squadre sconosciute che aprono a brutte figure. Spero possa risalire in fretta perché il club merita la A".

Sui numerosi pareggi: "Ripeto, talvolta in C si affronta giocatori e squadre sconosciute: questo porta a dare troppe cose per scontato senza prestare sempre la massima attenzione. La Reggina, invece, è qui da tempo ed è sicuramente più attrezzata: il Bari ha peccato di inesperienza. Quando giocatori di categoria superiore scendono così fare brutte figure è facile".

Sui ricordi circa il passato in biancorosso: "Ho fatto sei anni a Bari, ci ho vissuto tutta l'adolescenza. La mia vita è stata tutta lì, da quella calcistica a quella amorosa. Ho tanti amici, spesso vengo lì per gare di solidarietà, in questi giorni sto facendo videochiamate con i miei ex compagni: ci sarebbe da scrivere un libro su tutte le esperienze vissute, la città mi è rimasta nel cuore ed ho tante amore sia per lei che per i baresi".

Sezione: Esclusive / Data: Sab 04 aprile 2020 alle 08:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print