10 domande e 10 risposte sul futuro del Bari, dalle prime indicazioni di campo agli ultimi colpi di mercato, provando a capirne qualcosa di più.

1. Quale sarà il modulo di riferimento per Cornacchini?

Nulla è deciso ma si dovrebbe partire da un ibrido 4-2-3-1/4-4-2. Già nell'esordio ufficiale contro la Paganese, il tecnico ha alternato gli schieramenti, ricevendo delle buonissime risposte anche grazie alla duttilità del reparto d'attacco. Nessuna bocciatura per il 4-3-3, utilizzato nel finale di gara di Coppa. Probabile venga rispolverato con maggiore continuità, solo dopo il pieno recupero di Schiavone.

2. A quante reti può arrivare Mirco Antenucci?

La doppia cifra in campionato è d'obbligo, anche se nelle scorse stagioni, il capocannoniere del Girone C non ha mai raggiunto cifre da capogiro. L'ex Spal potrebbe però scombinare le statistiche e raggiungere (o superare) anche quota 20. 

3. La Coppa Italia C sarà un obiettivo concreto per il Bari? 

In questo momento l'importante è passare il turno contro l'Avellino (basta non perdere al Partenio). Poi molto dipenderà dalle motivazioni della squadra nel corso del campionato e da una serie di fattori esterni (date, sorteggi, avversarie). La Coppa potrebbe comunque rappresentare un'ottima opportunità per chi gioca meno di mettersi in mostra. Dal punto di vista tecnico il Bari è sicuramente tra le migliori dell'intera categoria.

4. Quanto spazio ci sarà per Franco Ferrari? 

Appare difficile una convivenza con Antenucci, almeno inizialmente. Cornacchini avrà bisogno di tempo per poter gestire questa possibilità, soprattutto per una questione di equilibrio. Tuttavia Antenucci alla Spal ha dimostrato di poter convivere con prime punte del calibro di Floccari, Petagna e Paloschi, quindi perchè no Ferrari?

5. Il campionato è ormai alle porte, quale saranno le principali rivali dei biancorossi?

Il Girone C per distacco è quello più difficile. Probabilmente le due antagoniste principali saranno Catania e Reggina con la Ternana alle loro spalle. Tra le outsider occhio a Catanzaro e Teramo. 

6. Tra i nuovi acquisti chi ha già convinto Cornacchini?  

Il tecnico è molto soddisfatto della rosa a disposizione. Tanti si sono già inseriti nei meccanismi della squadra, su tutti Frattali, Costa, Scavone, Kupisz e Terrani. 

7. Capitolo cessioni: Bolzoni e Simeri vanno via? 

Simeri non sembra a rischio. Discorso opposto per Bolzoni e Feola. Qualora dovessero arrivare offerte convincenti, il Bari sarebbe disposto a privarsi dei ragazzi. Attenzione anche a Cascione, il giovane chiuso dalla tanta concorrenza potrebbe essere girato in prestito per giocare con maggiore continuità. 

8. L'asse di mercato Bari-Napoli è ancora aperto? 

In questa sessione i galletti hanno prelevato sei giocatori dai partenopei, di cui due a titolo definitivo (Marfella ed Esposito). Il Bari ha, dunque, la possibilità di tesserare altri due ragazzi in prestito da club di categoria superiore, quindi qualora ci fosse la possibilità di investimenti importanti come nei casi di Costa, D'Ursi, Ferrari e Folorunsho, la porta sarebbe aperta. 

9. Ci sarà ancora spazio per vedere qualche acquisto dell'ultimo minuto?    

Si, anche Scala ha fatto capire che verrà effettuato almeno un colpo. Molto però dipenderà dalle cessioni. Difficile venga effettuato qualcosa in avanti, più probabile un terzino sinistro ed un centrocampista. 

10. La squadra è pronta per l'esordio in campionato?

Tra amichevoli e Paganese, i ragazzi di Cornacchini hanno dimostrato di aver raggiunto già una buona intesa di squadra, rafforzata da una discreta condizione atletica. Il vantaggio di aver concluso molti acquisti a Luglio ha permesso una preparazione adeguata, i cui effetti potrebbero risultare subito positivi già dalle prime partite di campionato. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 16 Agosto 2019 alle 15:15
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print