Può essere l'anno di Eugenio D'UrsiQuesta la sensazione che ha lasciato la prova del venticinquenne napoletano nel vittorioso primo turno di Coppa Italia contro il Trastevere. La punta ha dimostrato di conoscere bene i movimenti richiesti dal gioco di mister Auteri. Con il quale, due anni fa a Catanzaro, fu capace di segnare 14 reti in una trentina di presenze in campionato.

Molto più deludenti le sue prestazioni nella prima annata biancorossa, che lo ha visto bucare il portiere avversario due volte in 18 partite giocate. Solo in un paio di occasioni, nel torneo appena trascorso, D'Ursi ha fatto parte dell'undici iniziale di un match dei galletti. Una stagione tormentata da continui problemi fisici, che, però, ora paiono appartenere al passato.

Il ragazzo, adesso, ha mostrato un'ottima condizione, avendo nelle gambe una preparazione estiva completata senza intoppi. Il fatto di avere in panchina un tecnico che lo conosce e lo stima non può essere altro che uno stimolo in più. Nel tridente del trainer siciliano, al momento, l'attaccante appare sicuro di una maglia da titolare. E questo sembra galvanizzarlo, come dimostrano la rete ed il palo colpito contro i capitolini, restando in campo per tutti i novanta minuti. Stando a questi dati di fatto, la consacrazione del talento partenopeo non può essere molto lontana.

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 25 settembre 2020 alle 20:30
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print