La partita fra Bari e Ternana non rappresenterà solo una sfida fra le due compagini a livello globale. Anche diversi giocatori di entrambe le rose sono correlati, e, dunque, rivaleggiano per le loro caratteristiche e doti tecniche. Ad esempio, sia il club umbro che quello barese vantano la presenza nei propri roster di due specialisti assoluti sui calci piazzati: Mammarella e Laribi.

Entrambi rappresentano delle mine vaganti per le difese avversarie, in particolare per le punizioni. Mammarella, di piede mancino, si è sempre reso famoso nelle squadre in cui ha militato per questa sua qualità che in passato ha impensierito anche il Bari in diversi incontri. Lo stesso Vivarini l’ha menzionato, elogiandolo per la sua specialità ed etichettandolo come pericolo per il Bari.

Ha segnato dall’inizio della stagione due gol su punizione, entrambi in casa nelle sfide contro Rende e Bisceglie. Il numero 10 biancorosso invece ha avuto meno occasioni visto che è approdato in C a gennaio, ma la parabola al San Nicola contro il Picerno è rimasta iconica.

Le loro qualità sono emerse anche nel caso di assist da fermo, specialmente con calci d’angolo e punizioni dalla trequarti esterna. Il terzino rossoverde, oltre ai passaggi vincenti messi a referto contro Vibonese e Rieti, ha inciso sulla gara contro il Bari grazie alle due pennellate da fermo che hanno consentito il ribaltone della Ternana. Anche Laribi, nella partita con il Monopoli, ha realizzato un cross morbido da punizione che ha consentito a Sabbione di segnare e regalare al Bari il pareggio nel derby pugliese.

In campo i due sono giocatori diversi tatticamente: il numero 3 delle fere è un terzino, mentre Laribi un trequartista. Anche sul piano dell’età le differenze sono sostanziali. Il fantasista biancorosso, classe ’91, ha 9 anni in meno di Mammarella, che vanta sicuramente un bagaglio d’esperienza più ampio di quello già notevole di Laribi.

Entrambe le squadre potranno dire la propria nella sfida di domani e rendersi insidiose in questo tipo di occasioni. Il Bari, però, dopo aver sofferto il mancino di Mammarella nella partita di ritorno in campionato, è allertato: vietato concedere troppi calci piazzati alla Ternana.

Sezione: In Primo Piano / Data: Dom 12 luglio 2020 alle 19:00
Autore: Gabriele Ragnini
Vedi letture
Print