"Ma davvero a Cornacchini hanno dato una Ferrari?"

Scrivi anche tu le tue impressioni sul Bari all' indirizzo e-mail laletteradeltifoso@tuttobari.com.
02.09.2019 10:30 di Redazione TuttoBari   Vedi letture
"Ma davvero a Cornacchini hanno dato una Ferrari?"

Il racconto è che a Cornacchini hanno consegnato una Ferrari e magari, pur tra mille distinguo, tipo il campionato di C è difficile (come se ce ne fosse uno facile) e variamente sproloquiando, con una noia mortale in cui tutti si esibiscono,  altri allenatori, giocatori e quant'altro,  è presto per poterlo stabilire, ma a Cornacchini hanno veramente consegnato una Ferrari e lui era abituato a guidare una Panda? O glia hanno consegnato una Panda?

Ci sono società che esonerano gli allenatori dopo un paio di partite andate male ma ci si è posto il problema di quanto possa incidere un allenatore sulle fortune di una squadra? Claudio Ranieri del Testaccio per trent'anni era stato considerato l'eterno secondo ma poi andando a vedere in tutte le squadre che aveva allenato c'erano problemi societari, poi improvvisamente in età avanzata col Leicester City piuccola società inglese, ha realizzato il suo capolavoro .

Ma quando è la società che ha sbagliato gli acquisti, anche senza colpe specifiche, nel senso come nel caso del Bari i soldi sono stati spesi, ma non è certo questa una garanzia che siano stati spesi bene, che facciamo licenziamo la società? Non è certo il caso dei De Laurentiis che sono gente seria, ma loro hanno  uno staff di tecnici che sarà in grado di valutare dove finiscono le responsabilità del tecnico ed iniziano le proprie per cattive scelte partendo dal presupposto che l'allenatore incide nel successo di una squadra non più del 10% e della'ltro 90% che ne facciamo? I presidenti poco seri, poi, ce ne sono in tutte le serie ed in tutte le nazioni calcisticamente avanzate adoperano anche un qualcosa di disgustoso: cambiano l'allenatore e di fronte al flop del sostituto richiamano il licenziato perchè comunque lo hanno pagato fine alla fine dell'anno.

E' presto per recitare mea culpa se ci sono colpe societarie o inadeguatezze dell'allenatore ma le due partite disputate dal Bari, entrano nello specifico, sono da mostrare nelle scuole di calcio per spiegare il cinismo del contropiede, uno praticato contro la Sicula Leonzio ed uno subito contro la Viterbese( chi di contropiede colpisce di contropiede perisce) ma analizzando le due partite hanno avuto sviluppi molto diversi. Il secondo gol del Bari in contropiede in Sicilia  è stato un lancio lungo del portiere Frattali che D'Ursi ha trasformato. Nella Viterbese ci sono invece due contropiedisti veloci e possenti che farebbero la felicità di qualsiasi squadra, e quindi si suppone che sia arma costante nel loro gioco.

Da questa diagnosi dipendono le future decisioni societarie che si avvale di fior di consulenti e staff di tecnici di primordine(  Scala prima di tutti) . Anche il Bari di Matarrese in modo più artiginale si era avvalsa della consulenza di Regalia. Staremo a vedere ma è presto per scoraggiarsi, anche l'Avellino ha steccato in casa e vinto poi fuori!( ma non ha una Ferrari come squadra, almeno così pare)

Mimmo D'Aloia-Bari

Scrivi anche tu le tue impressioni sul Bari all' indirizzo e-mail laletteradeltifoso@tuttobari.com.