Al Massimino il Bari non è riuscito ad andare oltre il pareggio contro un Catania in grande spolvero. Alla rete di Cianci ha risposto Sarao nel secondo tempo ed è stata solo una parata di Frattali nei minuti finali del match a evitare ai galletti la sconfitta. Un solo punto portato a casa che, complice la vittoria dell’Avellino a Caserta, allontana maggiormente i biancorossi dal secondo posto. Serpeggia delusione tra i tifosi, che hanno commentato le ultime vicende della squadra sulla nostra pagina Facebook.

È mancata brillantezza contro il Catania e in molti non lesinano critiche alle scelte di formazione di mister Carrera. È il caso di Claudio, che scrive: “Ma perché continuare a mettere Candellone? È palese che sta nel panico più totale. Buio pesto”. Secondo Angelo invece il problema della squadra è data dalla mancanza in organico di un calciatore in particolare: “Manca un centrocampista veloce che salta l'uomo…. Senza Marras poi.... Non si poteva far di più. Metti un giovane a sto punto. Altrimenti che te li porti a fare in panchina”. Non manca chi come Antonio e Gaetano rimpiange le cessioni effettuate nelle ultime due sessioni di mercato: “Volevo vedere con un Hamlili al centro ed uno che affianca a Cianci come si sarebbe messa la partita”, “Le cessioni di Folorunsho e Montalto stanno facendo le fortune della Reggina”.

Con il primo posto ormai sempre più appannaggio della capolista Ternana, il Bari prova a non perdere di vista la seconda piazza, adesso occupata dall’Avellino. Marco a tal proposito scrive così: “Intanto l'Avellino (0-2 a Caserta) sembra diventata la nuova Ternana… 8 vittorie e due pareggi nelle ultime 10...ci sarà da lottare (tanto) anche per il 2° posto”. Si evince insoddisfazione dalle parole di Nico e Federico, a quanto pare delusi dalla prestazione del Bari contro il Catania: “Dobbiamo recuperare gli uomini di qualità, perché oggi la qualità era scarsa”, “Si è visto un Bari inconcludente. Una difesa ballerina ed un centrocampo e attacco inesistente che ha fatto due tiri in porta. Giocare con giocatori come Perrotta, Candellone e Lollo è un suicidio”.

Accuse anche nei confronti di Pierluigi Frattali, che secondo Nicola avrebbe potuto fare di più: “Frattali poteva tranquillamente uscire su quel cross. Anzi poteva togliersi la soddisfazione di capottare il centravanti del Catania”. Predica calma Luigi, che cerca di tenere unito l’ambiente in vista di questi ultimi mesi di campionato: “In questo momento bisogna essere uniti e raggiungere il secondo posto per provare a giocarci la promozione attraverso i playoff. Non bisogna remare contro la squadra e dobbiamo dare fiducia a Mr. Carrera e alla società”.

Sezione: News / Data: Lun 22 febbraio 2021 alle 22:00
Autore: Andrea Papaccio
Vedi letture
Print