Dopo Catania e Siena, spicca una terza squadra di Serie C a rischio penalizzazione. La Casertana, stando alla segnalazione della CO.VI.SO.C, non avrebbe provveduto a corrispondere gli emolumenti dei propri tesserati per le mensilità di gennaio e febbraio. Di seguito parte del comunicato ufficiale, riportato da figc.it: "Il Procuratore Federale ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare la Casertana F.C.S. (Serie C, girone C). Il club campano è stato deferito a titolo di responsabilità diretta, per il comportamento posto in essere da Pietro Valori, procuratore speciale e legale rappresentante pro-tempore della società, e a titolo di responsabilità propria, per non aver corrisposto, entro il 16 marzo 2020, gli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di gennaio e febbraio 2020, e comunque per non aver documentato alla CO.VI.SO.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento degli emolumenti sopra indicati. Pietro Valori, a sua volta, è stato deferito per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, per non aver versato, entro il 16 marzo 2020, gli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di gennaio e febbraio 2020, e comunque per non aver documentato alla CO.VI.SO.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento degli emolumenti sopra indicati".

Sezione: Serie C / Data: Gio 28 maggio 2020 alle 17:30
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print