La Puglia è terra di passione e di tifo. Sono tante le tifoserie calorose che sostengono e difendono i propri colori nel bene e nel male. Nella storia ultracentenaria del Bari ci sono stati tanti derby con le altre cugine pugliesi. Ripercorreremo questi magici duelli interregionali, dalle blasonate rivali alle piccole cenerentole. Dopo la precedente puntata che trattava le sfide con la Fidelis Andria, la squadra di cui oggi parleremo è il Brindisi.

Sono dodici i precedenti con la squadra biancoazzurra, con l'equilibrio a far da padrone: quattro vittorie, quattro pareggi e quattro sconfitte.

Il primo incontro ufficiale tra le due squadre risale alla stagione di Serie C 1951/52, nella gara del Della Vittoria che vide i galletti avere la meglio dei rispettivi cugini con un secco 3-0, grazie ad un autogol ed alle reti di Voros e Meneghetti. Al ritorno il risultato fu 0-0 e portò i due club alla retrocessione in quarta serie. Le sfide continuarono le successive due stagioni, e videro sorridere il Brindisi: vittoria casalinga al Fanuzzi 2-1 (all'epoca lo stadio era senza nome, nel 2000 è stato dedicato al commendatore nativo della città che negli anni settanta sarebbe diventato il presidente del club e poi morto prematuramente) e anche in trasferta 3-2, per merito dei gol di Carnevali, Pieroni, Lombardo inframezzate dai pareggi biancorossi di Voros e Achilli. L'anno dopo, nonostante uno 0-0 a Bari e una vittoria a Brindisi dei locali per 1-0, i galletti furono promossi in Serie C.

La seconda metà delle sfide fu disputata negli anni settanta, precisamente a partire dalla stagione di Serie B 1972/73, categoria alla quale il Brindisi mancava da 25 anni. La prima gara stagionale fu proprio il derby tra le due pugliesi: al Della Vittoria finì 1-0, con un rigore decisivo del barese Ardemagni. Nella gara di ritorno la partita finì 1-1: reti di Giannattasio per i locali e Sigarini per i biancorossi. L'annata successiva il Brindisi allenato da Gianni Di Marzio si aggiudicò il derby casalingo vincendo 2-0, con il Bari che si vendicò al ritorno battendo i rivali 1-0 con rete di Ludwig, ma che non bastò ad evitare la retrocessione in Serie C. Due anni dopo, stagione 1975/76, le squadre si riaffrontarono: 1-1 a Brindisi, reti di Carella per i locali e Asnicar; vittoria 1-0 del Bari con rete di Beppe Materazzi.

A seguito di lunghi fallimenti, il Brindisi ha girovagato per quarant'anni tra Eccellenza, Serie C e Serie D, dove attualmente milita avendo vinto nelle due precedenti stagioni il campionato di Promozione e i playoff di Eccellenza contro l'Agropoli. Non risulta una vera e propria rivalità con la tifoseria barese, forse perché è da ormai troppi anni che manca dai campi di calcio questo derby di Puglia. La possibilità di un nuovo match nei prossimi anni tra i due club non è però ipotesi remota, viste le velleità di promozione nel professionismo del club della famiglia Vangone.

Sezione: Amarcord / Data: Dom 31 maggio 2020 alle 08:30
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print