Per Leonardo Bitetto, detto Dino, il Bari è una seconda pelle. Originario del capoluogo pugliese, ha collezionato 59 presenze ed una rete in tre stagioni in biancorosso, tra il 1977 ed il 1982. L’ex centrocampista ha ricordato queste annate in esclusiva ai nostri microfoni: “Ricordo nitidamente il ritiro di Poggio Bustone, nel 1977. Ero un giovane aggregato alla prima squadra, in quell’occasione. Rammento quell’estate,  quando ci arrivò la notizia dell'improvvisa morte del Presidente, il professor De Palo, poi sostituito dai Matarrese. In quella stagione, feci 3 presenze, in B, nelle ultime partite di campionato. C’era Santececca come tecnico, e feci il mio esordio in trasferta, contro il Cesena.”

L’allora giovane mediano venne mandato a farsi le ossa, dapprima a Matera, dove vinse la C1, e quindi a Siracusa. Poi il rientro a Bari, nel 1980: “Iniziammo il nostro percorso con Renna in panchina, con in rosa gente come Iorio e Serena. Il mister venne sostituito negli ultimi match dal compianto Enrico Catuzzi, promosso dalla Primavera, che quell’anno conquistò la Coppa Italia giovanile.”

 Fu la premessa della nascita del “Bari dei baresi”, che fece sognare la promozione in A nel 1981-’82, mancandola per un solo punto: “Catuzzi cominciò a far esordire una serie di calciatori autoctoni, come De Trizio e Loseto. Al di là delle recriminazioni per alcuni episodi, durante la stagione, bisogna rispettare il verdetto del campo. Rammento la goliardia ed il senso di appartenenza che avevamo all’epoca. Nel Bari attuale, forse questo un po’ manca. Però adesso c’è una società solida da tutti i punti di vista, che conosce molto bene la passionalità della piazza, ma per le circostanze legate al Covid, non la sta vivendo ogni domenica. Potrebbe servire una figura di raccordo tra tifosi e dirigenza. Ma in ogni caso questa proprietà garantisce un futuro al club. Dopo i fallimenti che si sono succeduti in passato, questo non è poco.”

Sezione: Amarcord / Data: Mar 24 novembre 2020 alle 21:00
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print