Da poche ore è finalmente ufficiale l’arrivo di Massimo Carrera come nuovo allenatore del Bari. Il tecnico lombardo aveva vestito la maglia biancorossa da giocatore, in una delle squadre più amate della storia del club pugliese. Insieme a lui, in quella squadra c’era anche Salvatore Guastella, intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni per commentare il ritorno a Bari del suo ex compagno di squadra: “Per lui parla il suo trascorso, sia da calciatore che da allenatore. È una persona molto seria, di sani principi, altrimenti non avrebbe potuto intraprendere la carriera che ha fatto. Mi auguro per lui, ma anche per noi tifosi, che possa dare quello che è certamente capace di dare, anche considerando il bagaglio d’esperienza. Il problema è che nelle piazze italiane non c’è mai tempo, e a Bari anche meno. Si scontrerà con un ambiente che si sente perennemente affamato e preso in giro, perché si aspetta grandi cose e negli ultimi anni è stato perennemente deluso. Mi auguro che in poco tempo possa entrare in sintonia con la squadra, anche perché quella è e quella rimane. Mi auguro che possa inculcare i suoi principi fondamentali per invertire la rotta decisamente sbagliata che ha preso la squadra. Se Conte se l’è tenuto per così tanto tempo, evidentemente la stima era tanta”.

Sull’effetto che il ridimensionamento dell'organicoavvenuto nel mercato di gennaio, potrà avere su Carrera: “Per quanto lo riguarda, lui questa rosa ha a disposizione, non può fare un raffronto con quella che c’era prima. Anche io credo che la rosa si sia indebolita, ma non credo che lui conoscesse approfonditamente la situazione dei singoli che c’erano prima. Non può rimpiangere le mancanze di Montalto, Hamlili o Simeri, deve trarre il meglio da ciò che ha. Deve conoscere per bene come stanno le cose nello spogliatoio. Che impatto può avere un neofita della C sui giocatori? Non credo ci siano giocatori novellini in Serie C, anche se dai miei tempi è cambiata. Si corre e si lotta tanto, ci sono meno finezze tecniche e molta più corsa”.

Sezione: Esclusive / Data: Mar 09 febbraio 2021 alle 20:30
Autore: Gabriele Ragnini
Vedi letture
Print