Montini a TuttoBari: "Fallimento? Non facevo parte dei piani"

02.10.2018 15:30 di Gianmaria De Candia  articolo letto 11449 volte
Montini a TuttoBari: "Fallimento? Non facevo parte dei piani"

Non tutti gli ex calciatori di proprietà del Bari di Giancaspro hanno trovato una nuova sistemazione dopo il fallimento. Tra questi spicca, a sorpresa, anche il nome Mattia Montini, attaccante reduce da due buone stagioni in C tra le fila di Livorno e Monopoli.

Il classe '92, intercettato in esclusiva dai nostri microfoni, è così ritornato allo scorso mese di luglio, spiegando quanto accaduto: "Dal momento del fallimento anche noi calciatori siamo rimasti delusi, poi da Bari non si è fatto sentire più nessuno. Siamo stati liquidati con un semplice arrivederci da  parte del direttore sportivo (Sogliano). Non ero stato chiamato per fare il ritiro, evidentemente il Bari aveva deciso di non puntare su alcuni calciatori a prescindere. Già questo dispiace. L'ho vissuta da lontano, tramite alcuni compagni di squadra in ritiro ho saputo quello che stava accadendo. So solo che il direttore dopo tre giorni ha annunciato il fallimento. Non ho ricevuto neanche una telefonata nè per il ritiro, se dovevo andare o no, nè per il fallimento. Questa seconda me è stata una mancanza di professionalità nei confronti di tutti".

Montini ha spiegato i motivi per cui è ancora svincolato: "Al momento vorrei fare un percorso di crescita, ho vinto un campionato a Livorno. E' il motivo per cui sono fermo, anche per scelta. Sono arrivate delle richieste non importanti. Purtroppo è stato l'anno peggiore per rimanere svincolato a causa del caos ripescaggi di B e C, che si è risolto solo ora. Per un giocatore come me, che magari può ambire ad una Serie B di bassa classifica o qualche buona C, il mercato è stato bloccato. Le società che mi hanno chiamato non hanno le mie stesse ambizioni. E' inutile andare in un posto dove le motivazioni non ci sono".

Il centravanti ha concluso il suo intervento con un parere sull'arrivo a Bari dei De Laurentiis: "La nuova società penso sia una garanzia. Dopo il brutto scossone del fallimento inaspettato per i tifosi, penso che un presidente così importante sia solo una nota lieta. Al momento non sto seguendo la squadra, so che è partito benissimo. La nuova società non mi ha mai contattato. Sinceramente magari uno a Bari in Serie D ci farebbe davvero un pensiero, considerando il progetto importante ma, al momento, vorrei mantenere la categoria".