Per il secondo anno consecutivo il campionato del Bari inizierà dalla Sicilia. Dopo l'esordio in D a Messina, il calendario ha programmato alla prima giornata la sfida sul terreno della Sicula Leonzio. In attesa del prossimo 25 Agosto, abbiamo sentito Giuseppe Sicurella. Il centrocampista, tra i nuovi acquisti del club, ha fatto il punto sull'attuale situazione della squadra: "Il ritiro sta procedendo molto bene, la maggior parte siamo nuovi. Stiamo amalgamando il gruppo, pian piano la società sta inserendo elementi validi per la categoria. Nell'ultima settimana è arrivata gente come Nordi e Sabatino, che hanno fatto tante partite in C. Stiamo costruendo una buona squadra e molto competitiva. L'obiettivo principale è la salvezza, poi a lungo andare vedremo". 

Il classe '94, intercettato in esclusiva dai nostri microfoni, si è poi espresso sulle principali candidate alla promozione in B: "Il Girone C è il più difficile quest'anno, incontreremo squadre molto forti. Il Bari è una corazzata, una squadra costruita per vincere. Oltre ai biancorossi, tra le favorite vedo anche il Catania, grande team con gente esperta e che viene anche dalla B. Non dimentico però Catanzaro, Reggina, Teramo e Ternana, compagini molto forti e blasonate".

Una rosa di alto livello potrebbe però non bastare per rispettare le attese"Le squadre costruite per vincere non è detto che lo facciano. I nomi in C, e soprattutto nel Girone C, non fanno sempre la differenza. Ci sono campi particolari e difficili come il nostro, Rende e Vibo. Anche le più forti possono andare in difficoltà". 

Sicurella, infine, si è proiettato al match con i galletti, ricordando anche un confronto al San Nicola: "Non è niente male affrontare subito il Bari. Noi scenderemo in campo, a prescindere dall'avversario, sempre con la stessa cattiveria, convinzione e agonismo. Al ritorno tornerò al San Nicola, dove feci la panchina in Coppa Italia con il Foggia (vittoria 1-2 dei satanelli nel 2015). Hanno una tifoseria di tutto rispetto. Mi è già capitato di giocare di fronte a 15-18 mila persone, il calore del pubblico pugliese si fa molto sentire. I singoli del Bari? Il primo che mi viene in mente è Antenucci perchè viene dalla A. Poi penso a Di Cesare, Bolzoni e soprattutto Floriano, con cui sono molto amico e ho avuto piacere di giocare a Foggia. Mi farà piacere confrontarmi con gente del genere". 

Si ringrazia il responsabile della comunicazione della Sicula Leonzio per la disponibilità nell'organizzazione dell'intervista. 

Sezione: Esclusive / Data: Mar 6 Agosto 2019 alle 13:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print