Pierluigi Frattali si è finalmente preso le copertine dei giornali. A suon di rigori parati, addirittura tre in appena ventidue giorni, il portiere romano ha risposto con i fatti alle critiche spesso mossegli dai tifosi baresi. Contro il Teramo non valse a nulla il suo doppio intervento prodigioso, ma a Catania si è rivelato davvero decisivo evitando la sconfitta oltre il novantesimo minuto. Dopo una stagione e mezza, il numero uno dei galletti è così riuscito a guadagnarsi anche l’appellativo di pararigori, per la verità già presente nel suo curriculum ma mai dimostrato a Bari nei precedenti cinque penalty a sfavore.

Dagli anni Ottanta ad oggi, ed escludendo nelle statistiche le lotterie dei calci di rigore, sono diversi i portieri biancorossi del passato che hanno condiviso con Frattali proprio questa qualità. Il maestro è indubbiamente l’ex capitano Jean-François Gillet, pararigori per eccellenza in dieci annate. Il Gatto di Liegi, su 66 totali, ha collezionato ben 21 tiri dagli undici metri neutralizzati, in cui ha detto no a gente del calibro di Totti, Kolarov, Pirlo e Hubner. Percentuale perfetta per Daniele Padelli, suo vice negli ultimi due anni del Bari in Serie A, grazie all’unico rigore subito e parato a Miccoli contro il Palermo.

Buona media pure per Davide Marfella, attuale dodicesimo che non si è fatto infilare in due occasioni (in Serie D con Acireale e Nocerina) su nove. Un solo duello perso in più da Alessandro Micai, che invece si oppose a Castaldo, nell’esordio in biancorosso ad Avellino, e Mauri. Stesso risultato di parate per Graziano Battistini, ora agente di Micai, che ingannò Miccoli e l’ex Godeas. Altri due rigori fermati da Enrico Guarna, contro Crotone e Cagliari.

Numeri soddisfacenti anche per Alberto Fontana, che dal 1992 al 1997 per sei volte non incassò gol in questa modalità. Enzo Biato portò all’errore il proprio avversario in quattro circostanze su dodici. Identica performance, ottenuta però su sedici massime punizioni, per l’indimenticato Franco Mancini, che in Serie A beffò grandi attaccanti come Delvecchio, Montella e Gilardino.

Sezione: Focus / Data: Mar 23 febbraio 2021 alle 20:30
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print