Il lungo periodo di lockdown non sembra aver minimamente scalfito la verve e la motivazione di Vincenzo Vivarini. Nel corso della sua prima conferenza stampa dalla ripresa degli allenamenti, il tecnico biancorosso è apparso subito carico e centrato sull’obiettivo promozione, analizzando con grande chiarezza quanto accaduto negli scorsi mesi e i possibili scenari nei playoff.

Sarà, infatti, una competizione atipica e potenzialmente ricca d'imprevedibilità per una serie di fattori come il clima, le partite a porte chiuse e soprattutto le difficoltà relative alla condizione atletica. Il ritorno in campo a distanza di mesi non garantisce certezze a nessuno come confermato dalle prime partite in Coppa Italia, dove sono subito emerse le prime problematiche legate al ritmo. Un potenziale punto di forza del Bari che, come confermato dalla stesso Vivarini, non sarà possibile mantenere al medesimo livello. La squadra dovrà evolversi verso un atteggiamento più cauto per mettere in moto le qualità e gli spunti dei singoli.

Le avversarie, infatti, non possono godere delle medesime potenzialità tecniche dei biancorossi ma, almeno il 13 luglio (data dell’esordio dei galletti), avranno il vantaggio di avere più minuti delle gambe. Un aspetto di rilievo e a cui il Bari sta cercando di rimediare tramite l’aumento d’intensità nelle partitelle in famiglia, vista l’impossibilità di poter disputare amichevoli. La formula della post season, caratterizzata da partite ad eliminazione diretta, non lascia margini d’errore: un singolo episodio, un infortunio, una sostituzione potrebbe fare la differenza.

Occorre così ripensare alle prestazioni della squadra nel Girone C per cercare di curare il più possibile i particolari. Soprattutto contro le big, la squadra non è riuscita a tirare fuori quel qualcosa in più, anzi è stata poco cattiva e decisa nel volere il risultato. Un aspetto cruciale nei playoff e su cui la squadra lavorerà in questo mese di preparazione per poter raggiungere il giusto equilibrio fisico e mentale.

La testa, ha ammesso Vivarini, sarà probabilmente la chiave per vincere i playoff. Il primo passo sarà, dunque, quello di cercare di stimolare al meglio il recupero cognitivo e atletico per poi soffermarsi proprio sull'aspetto tecnico e tattico, anche grazie alle partite dei primi turni di playoff, che potrebbero fornire spunti interessanti in vista dei quarti di finale, per tramutare così le possibili difficoltà in vantaggi.  

Sezione: Focus / Data: Gio 18 giugno 2020 alle 22:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print