Ex centrocampista del Bari, ora ottantenne, Carrano parla dalle pagine del Corriere del Mezzogiorno della situazione drammatica in Italia: "Non sarà facile ripartire perché l’epidemia è ancora estesa e in piena evoluzione. Non credo che i campionati possano riprendere a maggio. Inoltre, i calciatori avrebbero comunque bisogno di due-tre settimane per ritrovare uno stato di forma accettabile. Io sono per far concludere questa stagione, magari giocando anche a luglio e agosto, sempre che vi siano le condizioni per garantire e tutelare la salute di tutti. L’annullamento dei campionati non sarebbe la soluzione ideale".

Sulla sua esperienza biancorossa: "A Bari ho vissuto intense emozioni, in quello storico stadio “Della Vittoria” gremito sempre di folla. Ho avuto come tecnico il grande Tommaso Maestrelli anche se Toneatto ha lasciato davvero il segno. Durante il campionato di serie A ebbi un grave infortunio al ginocchio a inizio gennaio del ’64, prima di Bari-Milan. Allora i medici mi dissero che la carriera era a rischio, io risposi che avrei continuato a giocare. Ho smesso a 36 anni facendo l’allenatore-giocatore di Juve Stabia e Potenza".

Sezione: Gli ex / Data: Mar 31 marzo 2020 alle 12:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print