Forse non sarà uno Special One, nonostante l'esperienza ed i numerosi successi ottenuti nelle categorie minori, eppure nella conferenza stampa tenuta alla vigilia della partita con il Catanzaro il tecnico del Bari Gaetano Auteri ha sfoderato una verve che per certi versi ricorda quella di José Mourinho. L'allenatore biancorosso ha approfittato della vetrina per sollevare un sottile strato di polemiche sulla capolista Ternana, che viaggia a ritmi impressionanti e che al momento appare la favorita per la promozione in cadetteria.

"Alcuni vantaggi però li ha sempre: giocherà sabato, in anticipo, vorrei qualcuno mi spiegasse perché, non è la prima volta, giocano la prima partita in anticipo quando ci sono i turni infrasettimanali. Ciò che non accetto è che la Vibonese ha giocato mercoledì una gara di recupero e giocherà già domani, in una posizione di svantaggio. Quali sono questi diritti della Ternana? Dicono motivi televisivi. Ma io non sono stupido, non c'è una condizione paritaria: la Vibonese non ha lo stesso tempo di recuperare. E' una cosa oggettiva. Vi sembra normale?". 

Sono state queste le parole utilizzate da Auteri nella giornata di ieri, con un duplice obiettivo: innanzitutto sollevare un problema che, seppur non può servire da giustificazione per l'attuale situazione in campionato, che vede la Ternana in vetta per propri meriti, deve essere affrontato per non concedere alcun favoritismo. Ed in secondo luogo quello di imporre il suo ruolo, non più inteso come quello di semplice tecnico bensì di sindacalista, in grado di battere i pugni sul tavolo per compattare e difendere l'ambiente.

Forse non sarà Special, ma l'auspicio è che il suo carattere frizzante e le sue dichiarazioni da uomo senza peli sulla lingua possano servire a scuotere l'ambiente e dare energia alla squadra: a partire da domani, infatti, il Bari non potrà più sbagliare. E per farlo ha bisogno di tutta la grinta possibile, che Auteri ha il compito di tirar fuori.

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 28 novembre 2020 alle 19:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print