In fase di programmazione del campionato di Serie C, il Bari si è subito convinto a puntare su un portiere di grande esperienza da affiancare al giovanissimo Davide Marfella. Il profilo individuato è stato quello di Pierluigi Fratalli, reduce da due promozioni consecutive con il Parma (dalla C alla A, insieme a capitan Di Cesare) e con alle spalle oltre 200 apparizioni tra i professionisti, la maggior parte in cadetteria.

NUMERI - Sia Cornacchini che Vivarini non hanno mai avuto dubbi sulle sue qualità e sul suo status di titolare: 29 presenze tra campionato e coppa italia C, sempre dal primo minuto. Le 3 assenze sono state, infatti, causate da un infortunio muscolare. Per 11 volte è riuscito a mantenere la porta inviolata, con un massimo di 5 partite consecutive in trasferta per un totale di 469 minuti.

COSA VA - Fin dalle prime amichevoli estive ha mostrato di avere una marcia in più rispetto alla categoria. Non solo senso della posizione ma anche riflessi ed istinto, caratteristiche fondamentali per un estremo difensore. Per larghi tratti del campionato ha trasmesso grande tranquillità all'intero pacchetto arretrato, con cui ci sono state rarissime incomprensioni. Le migliori prestazioni sono arrivate in trasferta, in particolare all'esordio in campionato contro la Sicula Leonzio, a Catania e nell'ultima apparizione ufficiale con il Catanzaro. 

COSA NON VA - Raramente nel girone d'andata si è lasciato andare a passaggi a vuoto (forse solo ad Avellino) mentre nel 2020 le cose non sono andate benissimo. Qualche incertezza di troppo ha provocato la rabbia dei tifosi, che lo hanno additato come responsabile di alcune battute d'arresto della squadra. Oggettivamente nel nuovo anno i galletti si sono lasciati andare a troppe disattenzioni difensive sia singole che di sistema, soprattutto su calcio piazzato, dove nemmeno Frattali è riuscito a mettere una pezza. Per un portiere, spesso, anche una frazione di secondo può fare la differenza e il classe '85 ne ha pagato semplicemente le conseguenze. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 25 marzo 2020 alle 15:30
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print