Scontri a Messina, pene pesanti per cinque tifosi del Bari. I dettagli...

12.04.2019 12:30 di Redazione TuttoBari   Vedi letture
Fonte: stampalibera.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Scontri a Messina, pene pesanti per cinque tifosi del Bari. I dettagli...

Cinque condanne piuttosto severe decise dal gup Maria Vermiglio per i tifosi del Bari arrestati nel gennaio scorso dalla Digos dopo gli scontri avvenuti agli imbarcaderi nel 2018 con i tifosi del Messina. Il procedimento nato dall’indagine “Questo non è calcio”, si è praticamente diviso ieri in tre tronconi.

Il gup ha definito cinque giudizi abbreviati, accolto due patteggiamenti della pena e una richiesta di messa alla prova, poi ha differito al 9 maggio la trattazione per gli altri imputati, che allo stato attuale hanno optato per il rito ordinario ma potrebbero scegliere una strada processuale diversa. L’accusa è stata rappresentata in udienza preliminare dal pm Piero Vinci.

Gli imputati comparsi ieri davanti al gup Vermiglio erano in tutto diciotto: Paolo Marcello Amatulli, 45 anni, di Noci (Ba); Marco Atzori, 26 anni, di Genova; Gesualdo Castagna, 33 anni, di Messina; Paolo Cerini, 43 anni, di Bari; Roberto Conese, 33 anni, di Modugno (Ba); Luigi Damiani, 36 anni, di Messina; Alberto D’Andrea, 36 anni, di Messina; Roberto De Lucia, 27 anni, di Bari; Mauro De Palo, 32 anni, di Bari; Angelo Di Bari, 32 anni, di Bari; Luca Giaquinto, 35 anni, di Bari; Cristiano Ladisi, 36 anni, di Bari; Michele Manzari, 24 anni, di Bari; Nicola Marena, 30 anni, di Bari; Fedele Prisciandaro, 38 anni, di Bari; Aquilino Salvadore, 33 anni, di Messina; Nicola Sibillani, 25 anni, di Bari; Vitangelo Spizzico, 35 anni, di Bari.

I cinque tifosi baresi sottoposti a gennaio a misura restrittiva, che sono stati assistiti dagli avvocati Andrea Torre e Luca Maggi, hanno scelto l’abbreviato, con lo “sconto” di pena per un terzo. E sono stati tutti e cinque condannati: Marco Atzori a 3 anni, 4 mesi e 2.000 euro di multa; Cristiano Ladisi a un anno e 8.000 euro; Roberto Conese a 2 anni, 8 mesi e 2.000 euro; Vitangelo Spizzico a 2 anni e 6 mesi; Nicola Sibillani a 2 anni e 4 mesi.