Il pareggio di Palermo ha lasciato una notevole dose di rammarico nella formazione di mister Auteri. Per comprendere meglio la prestazione del ‘Barbera’, abbiamo sentito Alessandro Del Grosso. L’ex difensore biancorosso, intercettato in esclusiva dai nostri microfoni, si è soffermato sui punti chiave della gara: "E’ vero che il Palermo ha fatto più tiri in porta ma le occasioni migliori le ha avute il Bari. Per me sono due punti persi anche se si giocava su un campo difficile e contro una squadra che aspettava proprio questa partita per tornar su. I biancorossi hanno fatto veramente delle belle ripartenze ma le devi sfruttare, ci si perde spesso nell’ultimo tocco. In queste circostanze la Ternana si è mostrata molto più concreta. Alla fine il gol fa la differenza e mercoledì avrebbe ammazzato la gara"

Sulla fase difensiva: "Ci sono stati due-tre svarioni, che il Bari non può permettersi. Ad esempio ad inizio ripresa sul colpo di testa di Luperini, lasciato solissimo in area. Sicuramente il calcio punizione del pareggio è stato bellissimo e merita tutti i complimenti, ma al gol ci doveva arrivare prima il Bari. Tuttavia salvo alcuni aspetti come la densità espressa, la buona distanza tra i reparti e la copertura del campo".

Il -6 in classifica: "Alla fine la differenza tra Bari e Ternana è rappresentata dalle 2 vittorie/sconfitte, di cui una è proprio lo scontro diretto. I biancorossi non devono mollare. Sono stato critico su questo pareggio ma alla fine il punto è comunque buono, il margine si è ridotto. Anche la Ternana avrà altri rallentamenti dopo quello con la Turris ma il Bari ne dovrà approfittare".

Adesso arriva il mercato e in entrata urgono alcuni elementi: "Qualcuno lo deve prendere, spero che il direttore sia dello stesso mio parere. Credo abbiano bisogno di 4 pezzi: due esterni, uno per lato, un difensore centrale a completamento del reparto ed un attaccante. Ora sono tanti in avanti ma eccetto Antenucci hai poche certezze in zona gol, pochi giocatori da doppia cifra. Certe volte è troppo solo".

La squadra tornerà ad allenarsi direttamente nel 2021, una scelta non condivisa da Del Grosso: "Non li avrei fatti staccare. Giusto stare con le famiglie ma sarebbe stato meglio rimanere in zona, anche per il problema del Covid. Questo è un lavoro e i risultati portano benefici a tutti. Era il momento giusto per recuperare dal punto di vista fisico anche con una pre-preparazione. A mio parere non puoi permetterti di ripartire con ritmi bassi, devi stare sempre al top. Meglio fare sacrifici interi che a metà. Io avrei ragionato così, mi roderebbe parlare di se e ma a fine stagione".

Pensiero finale in tema natalizio: "Ne approfitto per fare grandi auguri alla società del Bari, ai calciatori e soprattutto ai tifosi. Un enorme abbraccio a tutti!".

Sezione: La sciabolata / Data: Ven 25 dicembre 2020 alle 10:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print