Centravanti del Bari che ha vinto il campionato e pensa già alla C. Simeri, nel corso dell'intervista a La Gazzetta dello Sport, racconta: "I giudizi sul conto di un centravanti sono sempre legati al gol. Ecco, non è bello sentirsi dire che non sei giusto o sei scarso, solo perché non sei riuscito a metterla dentro. Ma i tifosi ragionano con il cuore, guai a prendersela! Le critiche, piuttosto, mi danno la carica. Compagni da ringraziare? Non uno, ma tanti. Noi però abbiamo avuto la fortuna di lavorare e giocare con un maestro: Brienza mi ha fatto capire molto, in campo e fuori".

Nel descrivere la gioia che prova quando segna, Simeri utilizza una metafora: "La stessa sensazione di un pasticciere che, dopo aver realizzato una bellissima torta, aggiunge in cima una fragolina. Un momento di liberazione e gioia. Poi quando c’è uno stadio come il San Nicola che invoca il tuo nome a gran voce, è apoteosi".

Sezione: News / Data: Mer 22 Maggio 2019 alle 11:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print