A Trapani nelle ultime ore si sta assistendo a scene surreali che riguardano poco il mondo del calcio. La storia. Il presidente Petroni ha ceduto il 10% delle quote societarie a Gianluca Pellino, il quale per non si sa quale motivo ha sospeso gli allenamenti fino a martedì e ha indetto il silenzio stampa. Lo stesso Petroni starebbe anche trattando con un'altra cordata trapanese.

Nel frattempo tra una settimana la squadra - pochi tesserati e tanti juniores - dovrà scendere in campo per la prima di campionato, senza avere ancora un allenamento tra le gambe. Capitan Evacuo ne ha parlato a nome dei calciatori, definendo la situazione imbarazzante: "Speriamo che le istituzioni sportive possano intervenire il prima possibile - si legge su trapanigranata.it - perché questa situazione sta diventando imbarazzante e mortificante per noi professionisti che amiamo il nostro lavoro e lo vorremmo svolgere giorno dopo giorno. Ma la società ce lo impedisce. Vorremmo avere il diritto-dovere di allenarci e presentarci al meglio contro la Casertana. Ma, come è stato testimoniato, da 16 giorni abbiamo svolto un allenamento. Pensare alla prima di campionato mi sembra imbarazzante".

La situazione a detta del presidente Ghirelli è monitorata dalla Figc, ma il Trapani sarà obbligato a giocare domenica 27 settembre e non potrà chiedere alcun rinvio.

Sezione: Serie C / Data: Dom 20 settembre 2020 alle 17:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print