Per Osarimen Giulio Ebagua, arrivato in biancorosso nel mercato di gennaio 2015, nel tentativo di rinforzare una squadra in piena lotta per i playoff in B, l’esperienza barese resta una tappa importante della sua carriera. L’attaccante, che alla corte di mister Nicola collezionò 16 presenze mettendo a segno 2 reti, in esclusiva ai nostri microfoni spiega le ragioni che, in quell’annata, non consentirono al club, allora di Paparesta, di raggiungere gli spareggi promozione: “Eravamo un bel gruppo, siamo stati poco decisi in determinate occasioni, ed anche un po’ sfortunati. Non giocavamo male, ma eravamo poco concreti sotto porta. Facemmo troppi pareggi, e spesso abbiamo preso gol alla prima occasione avversaria. Così, molte gare sono iniziate in salita, e non è mai facile recuperare. In più, gli infortuni non ci aiutarono.”

Quel Bari terminò la sua stagione al decimo posto in classifica. Nonostante i risultati altalenanti sul campo, la punta ricorda tuttora con piacere la sua splendida partita contro il Frosinone, al “S. Nicola”: “Segnai una doppietta, e propiziai anche un’autorete. Vincemmo 4-0 e fu una serata magica. Ogni tanto ci penso, e mi emoziono ancora.”

Sul futuro dei galletti, il centravanti non ha dubbi: “Comunque vadano i playoff, con De Laurentiis si può stare tranquilli. Centrare la B già quest’anno sarebbe importante.” Quanto alle sue prospettive di carriera, il trentaquattrenne, svincolato dopo la retrocessione in D del Bisceglie, non si sbilancia: “Ho avuto qualche richiesta, dalla Lega Pro e dai dilettanti, ma è troppo presto per fare previsioni.”

Sezione: Amarcord / Data: Mer 15 luglio 2020 alle 08:30
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print