Mancano ormai poche ore alla prossima sfida di campionato del Bari, in programma domani pomeriggio contro la Vibonese. Un avversario differente rispetto ai precedenti, che come confermato da Auteri in conferenza, non disdegna la fase offensiva e la manovra. Uno dei principali pericoli deriverà però dalla loro freschezza mentale, rafforzata da un inizio di stagione positivo, con il decimo posto davanti al Palermo, e dalle recenti prestazioni, vedi il pareggio in rimonta a Teramo e il quasi sgambetto alla Ternana (vittoriosa dopo essere stata sotto 1-2 fino al 81').

Servirà dunque la migliore versione della formazione biancorossa per evitare spiacevoli stop, come accaduto un anno fa proprio al San Nicola (2-2). Difficile però comprendere le soluzioni che verranno adottate con l’infortunio di Citro che costringerà ad adottare un nuovo tridente. Possibile il rientro di Marras, meno l’impiego di D’Ursi, in ombra a Pagani. Prende così quota la riconferma del doppio centravanti con Antenucci e Montalto, poche chance per Simeri.

La posizione di quest’ultimo non è ancora chiara, le prossime settimane saranno decisive in chiave mercato, con un addio ormai possibile. L’idea del mister rimane quella di preservare sempre il bene comune della squadra più che il singolo, ammettendo anche che il Bari attuale è probabilmente la squadra migliore che ha mai allenato dal punto di vista qualitativo e non ha dunque bisogno di grandi stravolgimenti a gennaio.

Tornando al campo, una vittoria domani è praticamente d’obbligo dopo le dichiarazioni del presidente De Laurentiis in settimana ed Auteri, pronto ad accogliere l’invito e portare a casa 9 punti prima della pausa natalizia. Il distacco in classifica non è ancora decisivo anche se il ruolino di marcia della fere ha impressionato tutti. L'unica soluzione è dunque tentare d'imitare la Ternana per cercare l'aggancio, continuando la striscia iniziata a Caserta con quel bel mix di solidità e concretezza.

Sezione: Focus / Data: Sab 12 dicembre 2020 alle 17:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print