La gara disputata ieri contro il Bisceglie ha messo la parola fine su una delle regoular season più travagliate della storia recente biancorossa. Ci si aspettava qualcosa di diverso, le richieste di inizio stagione erano ben altre, ma in ogni caso il campionato è terminato con un successo, che ha blindato il quarto posto dagli assalti di Juve Stabia Catania.

Sarebbe bello poter dire che ora inizia tutta un'altra storia, ma in fondo ci si illuderebbe. La partita del San Nicola ha mostrato ancora una volta i limiti difensivi di una squadra fragile, che incassa gol con regolarità e che una volta sotto fatica a rialzarsi e riprendere in mano la partita. Ieri, a dir la verità, una reazione si è vista ed ha portato alla rimonta, ma questo va considerato in proporzione ad un avversario di livello decisamente inferiore a quelli che saranno di fronte nei play-off.

Il tutto, però, non può rappresentare un alibi. La scossa avuta con l'arrivo di Carrera, ad esempio, dimostra che questa squadra avrebbe le potenzialità per rialzarsi e lottare alla pari con tutti. E la storia di questo campionato, inoltre, evidenzia come gli alti e bassi siano la norma. Quell'Avellino che qualche settimana fa sembrava volare sulle ali dell'entusiasmo, ad esempio, ha centrato una sola vittoria nelle ultime cinque partite. La Juve Stabia, d'altro canto, nel girone d'andata sembrava in crisi nera, mentre negli ultimi mesi ha infilato un clamoroso filotto di vittorie consecutive che le ha permesso perfino di insidiare il quarto posto dei biancorossi.

Forse il pessimismo oggi è lo stato d'animo più diffuso nella piazza, e non potrebbe essere altrimenti: vincere i play-off, alle condizioni attuali, sarebbe un impresa. Partire senza la convinzione di poterci credere, però, rappresenterebbe un errore più grande di tutti quelli compiuti negli ultimi dodici mesi. Con la testa e la concentrazione che servono per evitare quelle sbavature (soprattutto difensive) costate gol e punti, il cuore di chi ha il dovere di lottare fino all'ultimo e l'entusiasmo portato da quel Mercurio capace, con il suo ingresso, di dare la scossa a tutta la squadra.

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 03 maggio 2021 alle 18:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print