La gara di ieri pomeriggio era arbitrata dal signor Antonino Costanza, con assistenti i signori Ivan Catallo e Franck Loic Nana Tchato. Nel complesso la gara è stata ben gestita, con qualche tensione calmata da ammonizioni ad ambo le squadre. Molte però le situazioni dubbie da analizzare. Al quarto minuto c'è il primo gol annullato a Simeri: dopo una trama di passaggi, Terrani alza la testa e imbuca alla perfezione per l'attaccante campano che scattando sul filo del fuorigioco gonfia la rete, ma per l'arbitro è fuorigioco. Rivedendo le immagini l'impressione è che però Morero, il difensore centrale dell'Avellino, tenga in gioco Simeri con la gamba destra.

Al 50esimo Costanza fischia rigore per l'Avellino. In questo caso la decisione è giusta in quanto Perrotta intercetta un colpo di testa di Njiè con le braccia in maniera scomposta. Altrettanto evidente è però il tocco di mani al 90esimo su cross di Floriano da parte di Celjak. L'arbitro, che pure è posizionato benissimo, lascia proseguire tra le proteste infiammate dei biancorossi. A suo dire il braccio è attaccato al corpo, ma anche questa volta le immagini sembrano dire altro.

Nel mezzo all'80esimo c'è spazio per il secondo gol annullato al Bari. Ferrari prende palla a centrocampo e serve Neglia, il quale con un bel colpo di tacco innesca Kupisz che serve al centro il libero Simeri. L'attaccante imbuca con un preciso colpo di tacco, ma l'assistente Tchato alza la bandierina per fuorigioco. A suo dire Simeri era oltre l'ultimo difendente al momento del passaggio di Kupisz. In questo caso le immagini sembrano dare ragione all'assistente, ma resta comunque la situazione molto dubbia e al limite dei millimetri. Da segnalare anche un'entrata di Sabbione a piede a martello punita con l'ammonizione. Decisione giusta in quanto il difensore barese guarda sempre la palla e non interviene in maniera dura. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 19 Agosto 2019 alle 12:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print