Nel corso dell’intervista alla nostra redazione, l’ex Ionuț Rada ha espresso il suo pensiero sul cammino del Bari e su mister Carrera: “Quest’anno la Ternana ha fatto un campionato al top, visto che ha dodici punti dal secondo posto dell’Avellino: tanta roba. Comunque già nello scontro diretto con il Bari, le fere hanno mostrato un po’ il vantaggio di qualità e di squadra. I biancorossi avevano iniziato la stagione con un’altra area tecnica, allenatore e diesse, che si sono aggiunti alla squadra nuova. Carrera? Sono contento che nelle ultime due partite non abbia fatto male. Ha bisogno di tempo, è un mister che ha esperienza ed è stato in panchina anche in Europa e fuori dall’Italia. Ha tanta esperienza pure da ex difensore, ed è importante come il calciatore guardi il proprio tecnico, con ciò che ha fatto in precedenza. Servirà un po’ di tempo per capire e conoscere i suoi uomini: da fuori è un conto, invece da dentro è tutta un’altra cosa dal punto di vista del carattere”.

In ottica promozione: “Speriamo che possa fare un bel play-off e che Cianci possa aiutare il Bari ad andare in Serie B. Tutti i tifosi vogliono questo, vediamo come sarà con Carrera. Mi auguro che alla fine, nel momento cruciale, Di Cesare ed Antenucci siano pronti, perché sono importanti per la squadra che ha bisogno di loro due”.

Rada ha poi sfogliato il suo album dei ricordi baresi: “Il mio ricordo sarà sempre le partite che abbiamo giocato in casa in Serie B, ad esempio contro Avellino e Catania. Tutte sfide in cui la tifoseria cantava e ti sentivi calciatore: per questo si gioca a calcio, per sentire questo ambiente. Ricordo anche la trasferta che abbiamo vinto 2-0 a Cesena, dove c’erano tantissimi tifosi, così come i gol fatti ed il play-off con il Novara. Una domenica mi sono svegliato e ho deciso di fare un video su Facebook, in cui ho cantato l’inno del Bari: mi mancava quell’ambiente. Mi è rimasta dentro la tifoseria, la città, la gente, la squadra”.

L’ex difensore rumeno ha svelato la sua nuova attività lavorativa: “Adesso ho una scuola calcio a Cluj, in Romania, dove mi occupo di organizzare tutto ciò di cui hanno bisogno i bambini. Ce ne sono anche dieci senza genitori, abusati e con problemi che hanno avuto in famiglia. Abbiamo pure una parte sociale, noi paghiamo tutto e li aiutiamo a reintegrarsi nella società. Sto cercando di sviluppare un progetto che si chiama: ‘Segui la mia strada’. Sono presente sui social e parlo della vita sana, del fare più sport possibile. Voglio dare qualcosa alla gente che vuole sapere com’è la vita da calciatore, ma anche dare coraggio ed essere un esempio. Quest’anno abbiamo visto quanto è fondamentale la salute, e per averla bisogna fare un po’ di sport e avere una corretta alimentazione. Il Covid-19? I numeri sono normali, ora hanno cominciato a vaccinare ed è un po’ stabile”.

“Mi mancano entrambe le squadre, sia Bari che Andria, dove ho trascorso un periodo bello. Speriamo che passi questo momento e di ritrovarci in futuro. Un saluto a tutti, forza Bari ed Andria! Dall waglio (ride, ndr)”, la simpatica chiosa di Rada.

Sezione: Esclusive / Data: Mar 23 febbraio 2021 alle 09:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print