Dal web - Vincenzo Matarrese: i ricordi, la gestione e gli acquisti…

14.06.2019 16:00 di Gabriele Bisceglie   Vedi letture
© foto di Arcieri
Dal web - Vincenzo Matarrese: i ricordi, la gestione e gli acquisti…

Sono passati ormai 3 anni dalla scomparsa dello storico presidente del Bari, Vincenzo Matarrese. Proprio nella giornata di ieri, il 13 giugno del 2016, i tifosi biancorossi dettero l’addio a Don Vincenzo. Per questo, sulla nostra pagina Facebook, abbiamo aperto una sorta di sondaggio per ricordare il presidente andriese, la sua gestione e i suoi acquisti più importanti. Molti utenti hanno menzionato calciatori che sono entrati nella storia del Bari, come: “Joao Paulo... Ridicolizzò da solo la difesa del Milan (Baresi, Maldini, Costacurta e Tassotti) campione del mondo… che acquisto”, “David Platt, Cowans e Rideout, ma quell’anno retrocedemmo”, “Joao Paulo, Protti, Maiellaro e Tovalieri”.

Tra i vari aneddoti raffiguranti la personalità di Vincenzo Matarrese, impossibile non ricordare “con piacere IL GRANDE TRIO: Vincenzo Matarrese, Carlo Regalia ed Eugenio Fascetti”, “Il top erano le sue conferenze stampa”, o il litigio con il presidente del Perugia: “Il ricordo con Gaucci, memorabile: NOI SIAMO DA SERIE A”.

Non manca, naturalmente, qualche critica mossa nei suoi confronti, specie per i suoi ultimi anni di gestione: “L'unico ricordo che mi resta della sua gestione è aver disertato lo stadio per ben tre anni, andando anche contro la mia passione. Questo è il ricordo della loro gestione”.

Molti altri utenti, però, hanno compreso gli sforzi fatti da Vincenzo Matarrese, perdonando i suoi errori: “Avrà potuto fare tanti sbagli, ma comunque ci ha fatto sognare... non sempre ma l’ha fatto”, “Un Presidente che amava la Bari perché ne era il primo tifoso, spesso non capito dalla famiglia e da alcuni tifosi che l’hanno rivalutato dopo la sua morte”, “Come uomo fenomenale, come presidente un po' meno, ma alla fine rimane unico. A meno che De Laurentiis non faccia meglio. Perché meglio di Matarrese non ce ne sono stati”.