Domenico Progna è stato per due stagioni un elemento fondamentale della difesa biancorossa. Ha totalizzato, tra il 1991 e il 1993, trentanove presenze in campionato, arricchite da un goal. Può vantare nel suo palmares un secondo posto con l’Italia Under 21 agli europei di categoria del 1986. Quest’oggi è intervenuto ai nostri microfoni per parlare del nuovo Bari di Auteri e della spinosa vicenda relativa alle combine tra Picerno e Bitonto. Queste le sue parole: “La dirigenza si sta muovendo bene in ottica mercato. Stanno prendendo gli uomini giusti per migliorare i risultati dello scorso anno. Auteri resta una garanzia, seppur nelle ultime stagioni a Catanzaro non abbia fatto molto bene, è uno che i campionati di C li ha vinti e questo potrebbe renderlo l’uomo giusto nella piazza giusta”. 

Sul mercato dei biancorossi: “Penso che i giocatori che arriveranno saranno congeniali al progetto di Auteri. La dirigenza è intervenuta lì dove bisognava intervenire viste le carenze dello scorso anno. Ho visto la finale con la Reggiana, è mancato gioco di squadra da parte dei galletti, gli emiliani hanno approfittato di questa mancanza di affiatamento. La difesa del Bari ha sofferto la velocità di Kargbo. I pugliesi si affidavano più che altro alle invenzioni dei singoli, soprattutto alle grandi giocate di Antenucci, che è un giocatore che adoro. Secondo me se neanche quest’anno giocheranno di squadra, potrebbero avere dei problemi anche se si chiamano Bari.”

Sul campionato che sta per cominciare: ”Al Bari conveniva salire lo scorso anno, si sarebbe evitato un girone tosto come questo. Sì sarebbe tolto tanti tanti problemi e pensieri. Non vedo una favorita, ci sono belle squadre oltre al Bari come Palermo, Catania, Foggia e Avellino. Sarà affascinante.”

Un pensiero anche sulla vicenda delle combine tra Picerno e Bitonto: “È una brutta storia, come sempre succede in Italia si è aspettato che il Picerno facesse un anno di C prima di alzare questo polverone. Si poteva intervenire prima. Sono d’accordo che abbiano negato la terza serie a queste due squadre, l’illecito è stato commesso e c’è stata anche l’ammissione dei giocatori. Dispiace quando in queste situazioni finisce invischiata una squadra pugliese, anche perché il Bitonto e i suoi tifosi desideravano la Serie C, ma la giustizia sportiva ha emesso le sue sentenze.”

Sezione: Esclusive / Data: Mer 16 settembre 2020 alle 19:00
Autore: Andrea Papaccio
Vedi letture
Print