Durante il mercato estivo, gran parte dell’organico del Bari è stato rivoluzionato. Adesso, a distanza di qualche mese, è possibile tirare le somme sul rendimento dei nuovi acquisti; in particolare, su quelli che hanno maggiormente disatteso le aspettative.

Ad oggi, l'unico attaccante ancora a secco è Leonardo Candellone. L’attaccante torinese era reduce da una stagione poco prolifica in cadetteria col Pordenone, con cui però, un anno prima, segnò ben quattordici gol in Serie C. Quest’anno, invece, nonostante le undici presenze, non ha ancora trovato la prima rete in biancorosso.

Anche da un giocatore come Lorenzo Lollo, che porta sulle spalle esperienze in categorie ben superiori alla Serie Cci si aspettava di più. L’ex Carpi attualmente sembra più indietro rispetto al suo collega di reparto Carlo De Risio, perdendo un posto da titolare che, probabilmente, non ha mai ottenuto saldamente, a causa di prestazioni poco incisive.

C’è anche chi, invece, in campo non ci è sceso mai o quasi. Cristian Andreoni, arrivato in estate per essere un papabile titolare sulla corsia di destra del centrocampo, dopo l’infortunio contro la Spal non ha più raccolto minutaggio. Nonostante sia tornato tra i convocati dalla gara contro la Ternana, Auteri non ha mai voluto rischiarlo, affermando che l’ex Ascoli sia ancora fisicamente instabile.

Ancora zero occasioni per Gianmarco Fiory, portiere arrivato dagli svincolati dopo la fine del mercato per puntellare la rosa. Non è ancora chiaro che posto occupi nella gerarchia degli estremi difensori; tuttavia, finché Frattali starà bene, difficilmente l’ex Gozzano avrà occasioni per mettersi in mostra.

Sezione: Focus / Data: Mar 15 dicembre 2020 alle 20:00
Autore: Gabriele Ragnini
Vedi letture
Print