Il clima non è dei migliori in casa Bari. A tre giornate dal termine del Girone C e con i playoff alle porte, le continue ed oggettive difficoltà della squadra hanno portato un atmosfera di grande negatività. Eppure l’arrivo in panchina di mister Carrera, datato 9 febbraio, avrebbe dovuto portare una scossa e una netta risalita, invece dati alla mano, i biancorossi hanno avuto un ulteriore declino.

Il passivo evidenzia appena 5 vittorie e ben 4 ko nelle 11 uscite complessive per un totale di 17 punti, una media di 1,54 punti a partita. Un andamento nettamente inferiore, non solo alle aspettative, ma anche a quelle del tanto criticato Auteri (oltre 1,90) tanto da scatenare un vero e proprio crollo in classifica: dal definitivo addio alla seconda piazza al concreto rischio di scivolare fuori dal podio. La formazione biancorossa, eccetto l’ottimo impatto iniziale, ha confermato tutti i difetti e limiti sia caratteriali che tecnico-tattici, mostrando una certa sterilità e lentezza in fase offensiva. 

Oltre ai problemi in campo, non hanno poi convinto le dichiarazioni in conferenza stampa del mister. Tutte le lucidissime analisi sul momento della squadra e i moniti di cambiamento si sono andate a scontrare con la dura realtà delle prestazioni, dove le ultime vere luci risalgono alla gara del 3 marzo scorso contro la Juve Stabia. Tutto questo ha anche iniziato ad indispettire i tifosi, che dopo aver difeso a spada tratta il mister nei mesi iniziali, attribuendo le responsabilità solo alla squadra, ora stanno iniziando a criticare diversi aspetti della nuova gestione. 

Le prossime settimane saranno però quelle decisive per l'esito della stagione, tra conclusione della regular season e disputa dei playoff che daranno il responso finale sull'annata. Senza promozione, infatti, potrebbe diventare tra le più fallimentari degli ultimi anni. Impossibile, ad oggi, programmare e pensare al futuro dell'intera squadra, incluso quello del mister, il cui contratto è in scadenza a giugno. Solo un'autentica svolta con un finale da urlo potrebbe garantire la certa permanenza di Carrera, altrimenti il rischio di una nuova rivoluzione estiva sarebbe alle porte. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 14 aprile 2021 alle 12:30
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print