Intervenuto in esclusiva ai microfoni di TuttoBari, l’ex difensore biancorosso Massimiliano Tangorra si è soffermato sui temi clou della settimana dei galletti, soffermandosi sulla lotta per il secondo posto tra Bari, Avellino e Catanzaro. Ecco le sue parole: “La vittoria di sabato va presa con il giusto equilibrio. Nonostante il valore e la qualità fosse superiore, il Bari ha concesso qualcosina di troppo, rischiando di prendere il gol dalla Paganese. È vero che durante la partita può capitare di concedere qualcosa all’avversario però questa vittoria non deve essere presa come la panacea per tutti i mali, restano i limiti di sempre, certo sarebbe stato ancora peggio se i biancorossi non avessero vinto. A mio parere non ci si può esaltare con una bella prestazione e non ci si può deprimere con una brutta partita. Vanno sempre analizzate le situazioni, e da lì trarre spunto per migliorarsi. L’obiettivo principale deve essere questo. Devono giocare queste cinque partite cercando di dare il massimo per arrivare ai playoff nella posizione migliore.”

Parole anche sull’esclusione di Sabbione dai convocati per la Paganese: “Se si sia stata una scelta tecnica o dettata da motivi disciplinari non lo so, mi astengo dal dare un giudizio in merito, bisogna capire se abbia deciso Carrera o la società. È chiaramente una decisione che fa riflettere, in un momento in cui a parole si è sempre detto di aver bisogno di unità d’intenti e di un gruppo coeso questa scelta va un po' controcorrente. Va data ovviamente la giusta lettura, può essere un controsenso ma anche un segnale chiaro ed evidente per tutti che non si scherza più, d’ora in avanti chi si sacrificherà, chi sposerà la causa e accetta certe scelte dell’allenatore resta nel gruppo, gli altri è meglio se stanno fuori. È il momento di stringere il cerchio, chi sta dentro deve dare tutto con anima e corpo, chi sta fuori non può allenarsi con i compagni, sarebbe deleterio”.

Sulla lotta per il secondo posto ha così parlato: “Il Bari può tornare in corsa se a Vibo farà punteggio pieno e l’Avellino perde a Terni, altrimenti la vedo dura. Non credo che Ternana e Avellino faranno il biscotto, le Fere faranno la loro partita, anche se dovessero perdere con gli irpini verranno promossi la settimana seguente. Lucarelli ha cinque match point da giocarsi, non vedo tutta questa ansia. Per come è andato il campionato prevedo che chiuderà già sabato il discorso”.

Chiosa finale sui protagonisti più attesi nelle prossime sfide: “Quest’anno hanno deluso un po' tutti, la maggior parte della squadra ha reso al di sotto delle proprie potenzialità. Da tifoso mi aspetto che Cianci e Antenucci sfacciano dei grandi playoff, se è vero che la squadra ha balbettato durante il campionato è anche vero che se lì davanti quei due fanno il loro non ce ne sarà per nessuno”.

Sezione: In Tackle / Data: Mer 31 marzo 2021 alle 20:00
Autore: Andrea Papaccio
Vedi letture
Print