Esattamente undici anni fa, il 24 marzo 2010, il Bari fu protagonista di una delle gare più significative ed emozionanti della sua storia in massima serie. Al San Nicola quel giorno arrivava una delle squadre più in forma del campionato: la Sampdoria guidata da Gigi Delneri, che pochi mesi più tardi avrebbe sfiorato la qualificazione in Champions League. C'erano tutti i presupposti per una gara indimenticabile: le tifoserie onorarono il gemellaggio che ancora oggi le lega con uno spettacolo di bandiere a bordocampo e sugli spalti il pubblico era quello delle grandi occasioni; a rendere ancora più singolare la serata era la presenza in campo di Antonio Cassano, al ritorno nello stadio che un decennio prima l'aveva presentato al mondo del pallone.

La gara si dimostrò immediatamente dinamica e divertente, coerentemente con la natura vivace e offensiva del gioco proposto dalle due squadre. Sia il Bari che la Samp approcciarono la gara con il piglio giusto, creando diverse occasioni da rete in avvio. Al 19' della prima frazione, come se ci fosse un copione da seguire, fu proprio il pibe di Bari a sbloccare la gara. Un cross dalla corsia esterna fu elegantemente corretto dal tocco di Cassano, che gonfiò la rete alle spalle di Gillet, gelando il pubblico biancorosso che poco prima l'aveva calorosamente acclamato.

Il Bari non sembrò subire il colpo, riaffacciandosi prepotentemente in avanti e al 12' della ripresa agguantò meritatamente il pareggio con Riccardo Meggiorini, abile a sfruttare uno svarione della difesa avversaria e a insaccare con un sinistro all'angolino. Sulle ali dell'entusiasmo la squadra di Ventura contiuò ad attaccare e a creare palle gol, dettando legge contro un avversario partito con i favori del pronostico. Nel finale salì in cattedra il gioiello di quel Bari: Paulo Vitor Barreto. Smanioso di restare in campo nonostante un problema fisico rimediato nel corso del match, il dieci brasiliano al minuto ottantacinque segnò la rete del definitivo due a uno. Alvarez seminò la difesa blucerchiata e dal fondo scodellò al centro dell'area di rigore una palla che Barreto fu lesto a schiacciare in rete di testa, mandando in visibilio il pubblico presente al San Nicola e firmando una vittoria rimasta indelebile nel cuore di ogni tifoso biancorosso.

Sezione: Amarcord / Data: Mer 24 marzo 2021 alle 19:30
Autore: Michele Tedesco
Vedi letture
Print