Sono giorni di grande rammarico e pensieri in casa biancorossa. A Terni è arrivato l'ennesimo pareggio lontano dal San Nicola, il quinto consecutivo, che ha permesso alla Reggina di allungare nuovamente in classifica a 10 punti di vantaggio. In questo inizio di 2020 (cinque partite) non è arrivata ancora una vittoria in trasferta, un dato allarmante, accaduto solo altre 3 volte negli ultimi 16 anni: 2004, 2011 e 2016. Nei primi due casi arrivò addirittura la retrocessione, anche se nel 2004 il Bari riuscì a salvarsi tramite ripescaggio. Tra i dati negativi spiccano anche le tante reti incassate fuori casa, nel nuovo anno Frattali non è mai riuscito a rimanere imbattuto. Una striscia così lunga capitava tra marzo e maggio 2018.

Nel girone di ritorno il Bari rimane però in vetta alla classifica del Girone C ma raggiunto da Reggina e Monopoli a quota 17. Inoltre nella gestione Vivarini, giunto al 23esimo risultato utile di fila, la squadra è sempre riuscita ad andare a segno ad eccezione di un'unica occasione: lo 0-0 di Catania, dello scorso 27 ottobre.

Non sono una novità, invece, gli incroci con la Ternana. Quello di ieri è stato il confronto numero 42, equamente divisi tra casa e trasferta. Nel complesso il bilancio dei galletti è positivo (16-13) ma non al 'Liberati', dove è sotto 9-3. L'ultimo 2-2 risaliva proprio all'ultima sfida in Serie C tra le due squadre, datata maggio 1984. In questa stagione il medesimo parziale era già stato ottenuto a Monopoli ed Avellino.

Sorride Simeri, tornato al gol dopo 580 minuti di astinenza complessiva (oltre 5 partite), anche se in trasferta il digiuno durava dal 15 dicembre. Una rete importante e che permette al classe '93 di raggiungere quota 10, a sole due lunghezze dal suo record personale in C (Juve Stabia 2017/18). La doppia cifra è ormai una garanzia per l'attaccante campano: alla sesta stagione di seguito. Prosegue la crescita di Laribi, alla sua seconda marcatura in biancorosso, la sua prima in trasferta, dove non segnava esattamente da un anno (Lecce-Hellas Verona 2-1). Si interrompe, invece, il momento magico di Antenucci, a secco dopo 4 partite. 

Tra le presenze Sabbione salva la sua ubiquità stagionale, grazie all'ingresso (prima volta non schierato titolare) negli ultimi istanti di partita. Piccola gioia anche per capitan Di Cesare, alla presenza 110 con la maglia del Bari, 85esimo posto nella classifica all-time.  

Sezione: Focus / Data: Gio 27 Febbraio 2020 alle 22:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print