Col mercato di gennaio che si avvicina è già iniziato il consueto giro di ipotesi accostate al Bari. I biancorossi cercano una punta da inserire nella batteria degli attaccanti, dove ad oggi Simeri e Antenucci, oltre a D'Ursi, risultano gli inamovibili. Tra sogni dei tifosi e apprezzamenti della società, al Bari sono stati accostati cinque nomi di bomber dall'indiscusso valore. Ecco caratteristiche, pro e contro di possibili operazioni sul loro conto.

MAZZEO - Il bomber del Livorno è il profilo forse più facile a cui arrivare. Ad oggi ha disputato 7 presenze e anche realizzato una rete, ma nell'ultimo periodo è finito spesso in panchina. Con l'esonero di Breda è però tutta da rivalutare la sua posizione. Ha spesso giocato in carriera in un attacco a due segnando una valanga di gol. Ad esempio in due stagioni col Foggia ha messo a referto 24 reti e 15 assist. Inoltre ha spesso giocato in piazze del sud, quindi è abituato alle pressioni che una città come Bari dà. Darebbe ulteriore esperienza alla squadra. Di contro le 36 primavere. L'impressione è che la società voglia investire su un profilo più giovane, visto che l'attacco biancorosso è già sulle spalle del 35enne Antenucci.

CITRO - L'attaccante campano è un nome che piace e facile da raggiungere. Attualmente milita nel Frosinone, con cui ha disputato solo 7 presenze in campionato. Tra i pro l'età non troppo alta, 30 anni, e l'esperienza accumulata negli anni che ne fanno il miglior profilo da questo punto di vista. Citro ha inoltre spesso giocato in un attacco a due e sarebbe anche un jolly da gettare a partita in corso. Non è, però, propriamente un cannoniere. L'anno scorso a Venezia realizzò 5 reti in 17 presenze, mentre due anni fa a Frosinone 4 reti in 31 presenze.

LANINI - Il bomber torinese milita attualmente nella Juventus U23, la seconda squadra della Juventus che disputa il Girone A della Serie C. In questo campionato Lanini ha disputato 16 presenze e 3 reti, ma partendo solitamente dalla panchina. E' un nome che stuzzica la società e di intermedia realizzazione. Lanini è uno che la porta la vede bene, come dimostrano le 14 reti della scorsa stagione con l'Imolese. Anche allora giocava in un 4-3-1-2. Vista la giovane età, 25 anni, darebbe una ventata di freschezza e energia che spesso a questa squadra manca nei ricambi. Di contro c'è la mancanza di esperienza in una grande piazza che potrebbe pesargli. Una sfida come quella di Bari, però, difficilmente se la farebbe sfuggire. Da verificare anche i rapporti tra Napoli e Juventus, per una possibile operazione di mercato.

MOREO -  L'attaccante 26enne dell'Empoli è un nome difficilissimo da raggiungere, come ammesso dallo stesso Scala oggi. A seguito del fallimento del Palermo, è stato corteggiatissimo in estate da club di tutte le categorie. Ha anche rifiutato una proposta del Lecce in Serie A, per essere titolare coi toscani. Le cose però non sono andate come si aspettava, viste le sole 7 presenze in campionato, anche dovute ad un infortunio al bicipite femorale. Moreo sarebbe un ottimo sostituto di Ferrari, che pare avviato a lasciare la rosa biancorossa. La stazza e il fisico dell'attaccante lombardo permetterebbero a Vivarini di alternare meglio il suo parco attaccanti. Moreo non è propriamente un bomber. In una stagione e mezzo col Palermo ha segnato 6 gol in Serie B e quest'anno è ancora a secco.

PALOSCHI - Un nome che fa sognare i tifosi, ma che è quasi impossibile da raggiungere. L'attaccante della Spal ha sì finora trovato poco spazio, ma è ricercato in Serie A. Inoltre nel suo curriculum presenta un solo campionato inferiore alla A, disputato agli albori della sua carriera in B. Paloschi si potrebbe rivelare l'Antenucci bis, capace di scardinare le difese avversarie alla luce della sua esperienza. L'età, l'esperienza e il modo di giocare ne fanno l'acquisto perfetto. I costi rendono l'operazione purtroppo infattibile. Servirebbe un esborso che sarebbe eccessivo rispetto alla categoria in cui i biancorossi attualmente militano.

Sezione: Focus / Data: Ven 13 Dicembre 2019 alle 13:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print