Duranti tutti gli anni Novanta il Bari andò spesso all'estero per cercare talenti interessanti utili a rinforzare la rosa di una squadra che, carica di importanti ambizioni, puntava a consolidare il suo piazzamento in pianta stabile nella massima serie. Talvolta, però, gli stranieri presi dalla dirigenza non rispettarono le aspettative, lasciando un pizzico di delusione in quanti avevano creduto in loro.

Fra questi l'attaccante svedese Marcus Allback, che pure riuscì a togliersi diverse soddisfazioni dopo aver lasciato il capoluogo pugliese. Il giocatore fu acquistato nell'estate del 1997 da un Bari appena promosso in Serie A dopo la promozione dell'anno precedente: le presenze in campionato furono solamente sedici, ed il calciatore non riuscì mai a trovare la via del gol.

L'esperienza in Puglia durò solamente una stagione, giacché al termine del campionato Allback tornò in patria, per vestire la maglia del suo primo club, l'OrgrytePoi iniziò un lungo peregrinare in Europa, togliendosi anche diverse soddisfazioni, come il gol che portò il suo Copenhagen alla vittoria contro il Manchester United in Champions League.

Nel mezzo anche partecipazioni ai Mondiali (nell'edizione nippocoreana del 2002 ed in quella tedesca del 2006) ed agli Europei (2004 e 2008). In queste edizioni vanta anche una rete, contro l'Inghilterra nell'ultima gara della fase a gironi di Germania 2006.

Sezione: Amarcord / Data: Lun 27 luglio 2020 alle 18:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print