Con l'avvento del Natale inevitabilmente le menti dei tifosi biancorossi sono proiettate al mercato di riparazione invernale. Il Bari sta disputando un buon campionato, al netto della marcia inarrestabile della Ternana. E' per questo che occorrerà puntellare la rosa per sfruttare un possibile passo falso della capolista nel girone di ritorno o in alternativa presentarsi ai playoff come la favorita assoluta. Cosa manca oggi all'organico dei galletti per essere al completo?

In difesa sarà fondamentale reperire il tanto invocato difensore mancino rapido. In quella posizione sono stati impiegati a corrente alterna Di Cesare e Perrotta, ma senza grossi risultati in termini di affidabilità. Con Celiento inamovibile a destra e il capitano al centro, sul braccetto sinistro occorrerà rinforzarsi adeguatamente secondo i dettami tecnici di Auteri. Un nome che potrebbe far comodo è quello di Matteo Piacentini del Teramo, classe 1999 tra i profili migliori della categoria e recentemente messo fuori rosa a causa della volontà di non rinnovare il contratto in essere con gli abruzzesi.

Tasto abbastanza dolente è quello degli esterni. Gli addetti ai lavori all'unisono riconoscono la mancanza di spinta offensiva dalle corsie baresi, vera propulsione del calcio d'Auteri. Andreoni è ad oggi un oggetto misterioso, Ciofani dà garanzie difensive più che offensive, mentre D'Orazio e Semenzato viaggiano a corrente alternata. Troppo poco per una squadra che ambisce al salto di categoria. A gennaio serviranno uno o due esterni di ruolo. Attenzione al profilo di Giovanni Di Noia, che sta trovando poco spazio nel Chievo e sarebbe allettato da un ritorno a Bari. Del resto il barese ha condiviso l'esperienza di Matera con Auteri, per cui la filosofia del tecnico di Floridia la conosce già.

Con la quasi certa partenza di Zaccaria Hamlili, si potrebbe intervenire per rinforzare la linea mediana del campo. In tal caso occorrerà pescare un interditore dai piedi educati che possa alternarsi con Maita e De Risio. A tal proposito potrebbero fare gola le posizioni di Marco Armellino del Monza e Francesco De Rose della Reggina, entrambi già allenati da Auteri e che in Serie C sono dei top player.

In attacco tutto gira intorno a Simone Simeri. Una sua cessione vorrebbe dire rinunciare ad una forte pedina offensiva, motivo per cui dovrà essere rimpiazzato da un giocatore di pari (se non superiore) valore. Il profilo giusto potrebbe essere un funambolo capace di scompigliare con i suoi dribbling le difese avversarie. Non sarà Augustus Kargbo, il cui nome è stato accostato al Bari nelle scorse ore. Il carnefice della finale playoff ha già giocato quest'anno in competizioni ufficiali con le maglie di Crotone e Reggiana, per cui un suo trasferimento ad una terza squadra è per regolamento impossibile. 

Sezione: Focus / Data: Gio 17 dicembre 2020 alle 18:45
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print