Da fortino inespugnabile a vero e proprio incubo. È la triste storia andata in scena in quest’avvio di serie C al San Nicola, fin qui teatro di sterili pareggi o debacle inaspettate da parte del Bari. Lecito aspettarsi dunque di più da una squadra, quella biancorossa versione casalinga, che da inizio campionato ha sbandierato in lungo e in largo la voglia di costruire il proprio vincente cammino tra le sue mura amiche. Mai come in quest’inizio di stagione, invece, i gradoni dell’Astronave sembrano essere un serio problema per i galletti, che in ben tre partite hanno raccolto solamente due miseri punti. Un magro bottino casalingo che appare da media retrocessione, migliore solo rispetto a quelli di Rieti e Rende, ultime della classe anche nella classifica generale del girone C.

Fin dall’origine del calcio, gli obiettivi stagionali di qualsiasi squadra passano soprattutto dalle prestazioni nel proprio stadio. Al San Nicola, per i galletti, questa è stata indubbiamente una falsa partenza, assolutamente non preventivata. Ma adesso, complice anche l’arrivo di mister Vivarini in panchina, qualcosa dovrà cambiare. E la ghiotta occasione per i biancorossi arriva puntuale già domenica prossima contro la Cavese, la prima di una doppia sfida consecutiva casalinga che si chiuderà con il big match contro la Ternana. Incontro, quest’ultimo, che tanto potrà dire sulle ambizioni dei galletti in campionato e sui primi effetti della cura-Vivarini. L’ex Ascoli è conscio che se il tanto invocato bel gioco ci sarà, potrebbe esserci solamente sul proprio campo. L’obiettivo primario, quindi, è quello di invertire il trend interno, dove i tre punti in campionato mancano addirittura dalla scorsa serie D, quando il Bari sconfisse per 2-1 il Rotonda nella giornata della festa promozione.

Il pubblico barese, esigente ma sempre vicino ai propri beniamini, non vede l’ora di tornare ad esultare al San Nicola, mettendo finalmente da parte i sonori fischi fin qui sentiti. Per spiccare definitivamente il volo nella difficile lotta-promozione, ripartendo proprio da quel fortino inespugnabile.

Sezione: Focus / Data: Gio 3 Ottobre 2019 alle 22:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print