Calciare una punizione dal limite e sentire il boato del pubblico, è probabilmente l'emozione sognata da qualunque bambino iniziando a calcare il rettangolo verde. Un sentimento che Lugo Martinez è riuscito a vivere, con la casacca biancorossa, realizzando quella che con ogni probabilità è stata la rete più importante della sua carriera. Per parlarne, però, bisogna un attimo fermare la narrazione e tornare indietro nel tempo sino all'arrivo del calciatore sulle coste pugliesi, nell'estate del 2013.

Il centrocampista, originario del Paraguay ma con un trascorso nelle giovanili dell'Udinese, era stato prelevato da una società in affanno finanziario, in grado però di ottimizzare al meglio la sua rosa con giovani poco conosciuti ma di grande qualità. Nella prima parte di stagione fu poco utilizzato, ma con il passare delle gare il suo impiego crebbe progressivamente, anche se non sempre dal primo minuto.

Il bilancio della sua esperienza biancorosso segna venti presenze ed una rete, quest'ultima particolarmente pesante. Ci si ricongiunge così a quanto scritto in apertura: il centrocampista è infatti andato a segno nella terzultima giornata di campionato, con il Cittadella, grazie ad un calcio di punizione, utile a regalare un successo senza il quale il sogno playoff della meravigliosa stagione fallimentare sarebbe stato senza dubbio più difficile da raggiungere.

Al termine di quella stagione il calciatore lasciò la piazza biancorossa, proseguendo altrove una carriera che ha visto nuove tappe in Puglia. Lugo, infatti, ha vestito anche le maglie di Virtus Francaville Bisceglie, prima di tornare in patria al Club Nacional Asuncion.

Sezione: Amarcord / Data: Mar 25 agosto 2020 alle 00:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print