L'estate che la tifoseria biancorossa sta vivendo è senza dubbio una delle più esaltante degli ultimi anni, con la piazza che si sta godendo pienamente i botti di mercato regalati dalla famiglia De Laurentiis. L'entusiasmo è quasi doveroso, soprattutto se si paragona il momento attuale ad un recente passato in cui il Bari è stata costretto a pescare talenti da campionati stranieri, scommettendo su giocatori che non sempre hanno mantenuto le attese.

Fra le meteore giunte in Puglia nella bella stagione c'è il greco Antonis Petropoulos, portato a Bari da Zafmir, che l'ha prelevato dal Kalloni. Il suo acquisto suscitò particolare interesse nella tifoseria, soprattutto per il suo passato nei principali club della sua nazione, come Panathinaikos ed Aek Atene, con cui trovò anche il debutto in Champions League.

Le prestazioni del greco, che in biancorosso incontrò il connazionale Gentsoglu, non rispettarono le aspettative. Il debutto con la maglia del galletto, infatti, arrivò solamente all'ottava giornata contro la Ternana, quando subentrò nei minuti finali. Da lì in poi solo qualche spezzone di partita, prima di sparire completamente nel girone di ritorno, chiuso senza neanche una convocazione. Oggetto misterioso che terminerà la stagione con cinque presenze ed un'ora totale di partita giocata prima del ritorno in patria, dove non tornerà ad incidere. 

Sezione: Amarcord / Data: Mar 16 Luglio 2019 alle 22:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print