Giù il sipario

18.05.2013 17:30 di Diego Fiore Twitter:   articolo letto 2616 volte
Giù il sipario

Giù il sipario. Si chiude con una sconfitta in Maremma la stagione del Bari, e francamente un po' dispiace perchè così si è persa l'occasione di agguantare due record: in caso di vittoria, infatti, Torrente avrebbe conquistato la 31esima vittoria (nonchè la 15esima in trasferta) della sua gestione biancorossa (considerando solo il campionato). Show dei record smantellato sotto i colpi del Grosseto che, in svantaggio di due gol, prima ha raggiunto gli ospiti e poi li ha superati grazie al gol di Fanciulli (nomen omen), uno così giovane che dopo il gol sarà tornato a casa in fretta per fare i compiti.

Ultima occasione oggi, peraltro, per molti galletti per mettersi in mostra al termine di un campionato che li ha visti comprimari. Non è andata benissimo per loro: Pena ha preso 4 gol, Altobello ha ballato parecchio, Aprile è uscito alla fine del primo tempo. Ma è sempre questa l'eredità di chi passa i saluti: un bagaglio di ricordi e una scorta di rimpianti. Quelli di Tallo, per esempio, che ha visto sfumare il sogno di segnare cinque gol (suo obiettivo minimo) in maglia biancorossa. O quelli di Ghezzal che, a lungo infortunato, non avrebbe voluto che il campionato finisse proprio ora, e per di più in trasferta. O, ancora, quelli di Torrente, che adesso starà rimuginando per ciò che non è stato: a questa squadra, in effetti, è mancato pochissimo per fare il salto di qualità decisivo che le avrebbe permesso di lottare per i playoff. Magari, tanto per dirne una, senza la lunga sosta post natalizia Il Bari non avrebbe avuto il tracollo che ne ha complicato il campionato (e circoscritto le ambizioni). Ma, insomma, questa stagione è stata un po' una montagna russa: prima la meravigliosa prima parte di stagione, poi le orribili settimane invernali. Sembrava essere arrivati al tramonto di una squadra e invece era il crepuscolo che precedeva l'alba. Ora saluti a tutti, e grazie: that's no way to say goodbye.

Molti dei galletti visti in campo oggi erano all'ultima recita sul palcoscenico barese. L'anno prossimo vestiranno una maglia diversa, magari con lo stesso colore, ma senza lo stemma del Bari sul cuore. Anche Torrente forse andrà via. E forse, udite udite, lasceranno a breve anche i Matarrese. Oggi s'è chiuso un campionato, nei prossimi giorni potrebbe chiudersi un'epoca.