Le nuove regole della C liberano il Bari. Ma meno prestiti dal Napoli

20.04.2019 16:00 di Gianmaria De Candia   Vedi letture
Le nuove regole della C liberano il Bari. Ma meno prestiti dal Napoli

Dopo la matematica promozione il Bari si potrà proiettare alla progettazione del prossimo campionato. Negli ultimi giorni sono giunte importanti novità riguardanti il regolamento della Serie C, che andranno praticamente a rivoluzionare l'attuale situazione. Si è infatti passati da un limite di 14 giocatori over 23 per squadra alla composizione di liste libere senza alcun vincolo d'età. Una norma che andrà ad aumentare la competitività della categoria, favorendo le società consolidate a livello economico come appunto i biancorossi.

La famiglia De Laurentiis avrà così la possibilità di poter effettuare delle valutazioni più ampie all'interno dell'organico attuale, soffermandosi sulle qualità del singolo giocatore e non dei possibili obblighi relativi all’anagrafica. Gli under, infatti, perderanno tutto il loro potere. L'unica valenza sarà relativa ad un corrispettivo economico in base al rispettivo utilizzo. Tutte le squadre, superando i criteri minimi, avranno diritto ad una quota proporzionale ai minuti in campo e alla loro provenienza (più punti in graduatoria se cresciuti all'interno del settore giovanile). Si prospetta, dunque, la possibilità di vedere in campo un Bari molto diverso ma sicuramente forte e in grado di poter puntare subito alla promozione.

Non solo però novità positive. Nella nuova direttiva spicca una particolare limitazione sui giocatori da tesserare con la formula del prestito. Sebbene la composizione delle rose sia libera, le società di C potranno acquistare un massimo di sei giocatori a titolo temporaneo da compagini di serie superiori (A e B). Dunque dovranno essere ridotte le operazioni con il Napoli, che difficilmente sarà la fonte primaria sul mercato. Il Bari dovrà quindi soffermarsi attentamente sulle trattative con giocatori di categoria superiori oppure sarà costretta ad attuare investimenti più pesanti per acquistarli a titolo definitivo.