Ci avevano presentato il nuovo Bari come una corazzata in grado addirittura di uccidere il campionato! Ci avevano presentato i nuovi acquisti come super-dimensionati per la categoria. Purtroppo l'impatto con la realtà ha deluso le aspettative dei tifosi. Dopo l’affondamento della corazzata con un siluro avellinese in Coppa Italia di serie C, lo svogliato equipaggio biancorosso  ha affrontato la prima di campionato vincendo stentatamente contro la Sicula Leonzio. A questo punto pensavamo di aver fugato le nostre preoccupazioni sulla tenuta della squadra finalmente calatasi nella categoria! Sbagliavamo! I nostri eroi contro la solida Viterbese sono sembrati quasi impotenti, addirittura sorpresi e umiliati dai guerrieri laziali. Sembravano, i biancorossi, soldati stanchi e indifesi per reagire contro la determinazione e la cattiveria dei guerrieri laziali. Lo sbigottimento dopo questa lezione durissima è stato il sentimento più diffuso. A questo punto era obbligatorio cominciare a farsi delle domande. Possiamo davvero fidarci dell'adeguatezza di questi giocatori alla categoria? I dubbi riguardano soprattutto centrocampo e difesa, le partite amichevoli disputate nei tornei estivi si sono rivelate ingannevoli. Tutti hanno capito che in serie C non basta solo la tecnica: la corsa, il temperamento e la determinazione sono requisiti preponderanti. Giocare di fioretto è fuori luogo in certe situazioni e contro certi avversari. I biancorossi finora sono sempre apparsi stanchi e ci chiediamo se e quando  la validità della preparazione atletica darà fine i suoi frutti, anche contro il Rieti il Bari è apparso in affanno. Contro la Reggina, una delle principali rivali, il Bari potrà ribadire quali sono le sue reali possibilità e rinnovare nella tifoseria un entusiasmo che si stava spegnendo.

Roberto Occhionero

Scrivi anche tu le tue impressioni sul Bari all' indirizzo e-mail laletteradeltifoso@tuttobari.com.

Sezione: Lettera del Tifoso / Data: Lun 9 Settembre 2019 alle 19:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print