Un Bari solido e concreto ha espugnato con il risultato di 2-0, per la prima volta nella sua storia ultracentenaria, il campo di Castellammare di Stabia, rispondendo così all’Avellino, che vincendo a Catanzaro ha mantenuto una lunghezza di vantaggio in classifica sui galletti. La Ternana capolista, che ha visto rinviare il proprio match casalingo con la Cavese a causa del Covid che attanaglia la rosa campana, ora è a -10 dalla truppa di Carrera.

Un distacco difficilmente colmabile, ma sperare non costa nulla. Ciò che importa di più, in questo turno infrasettimanale di campionato, è il fatto di aver visto i biancorossi affrontare una diretta concorrente per i playoff con il piglio della grande squadra.

La Juve Stabia ha ribattuto colpo su colpo, colpendo anche un palo sullo 0-0, ma nulla ha potuto contro la superiore qualità tecnica degli attaccanti baresi. La costruzione delle due reti, entrambe firmate da Marras, ha visto assist perfetti, forniti all’ex Livorno da D’Ursi prima ed Antenucci poi. Cianci, a secco di gol questo pomeriggio, ha rischiato di confezionare un'altra prodezza da antologia, con uno splendido colpo di tacco che ha colpito la traversa.

Il reparto avanzato del club dei De Laurentiis, insomma, ha funzionato a meraviglia. E la difesa, dall’arrivo di Carrera al timone, non ha subito gol in 3 partite su 4, in tutte le gare nelle quali l'allenatore ha optato per una linea difensiva con quattro elementi. Grande prova, a centrocampo, degli unici due mediani disponibili in rosa, De Risio e Lollo. Giusto, adesso, avere fiducia in questa compagine, che dimostra determinazione e voglia che parevano scomparse nelle ultime partite con mister Auteri.

Domenica prossima arriverà al S. Nicola il Potenza, ultimamente in netta ripresa. Se si vuole arrivare allo scontro diretto di Terni, il 13 marzo prossimo, con qualche velleità di promozione diretta, i tre punti con i lucani diventano un obbligo.

Sezione: Copertina / Data: Mer 03 marzo 2021 alle 19:45
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print