Uno scopritore di talenti, ed un uomo in grado di rilanciare calciatori in crisi. Può essere definita così, finora, la carriera da allenatore di Massimo Carrera, quest’oggi atteso dal debutto sulla panchina del Bari, nel derby casalingo contro il Monopoli. Di seguito, dieci giocatori rilanciati dal nuovo mister biancorosso, nel loro percorso professionale.

LUCA MARRONE – Nel 2012, quando Carrera sostituisce temporaneamente Antonio Conte, squalificato, alla guida della Juventus, lo mette in campo da titolare, in un paio d’occasioni, al posto di un certo Giorgio Chiellini. Scelta coraggiosa, premiata da buoni risultati. È la consacrazione per il ragazzo, fino ad allora impiegato soprattutto come mediano. Nel 2017, con alterne fortune, passerà anche da Bari. Se oggi è un perno difensivo del Crotone, in A, una parte del merito è certamente del coach dei galletti. 

QUINCY PROMES – La punta, nazionale olandese, è il bomber implacabile dello Spartak Mosca carreriano, capace di vincere il campionato russo ed una Supercoppa locale nel 2017. Se l’attaccante, ora nelle file dell’Ajax, è passato al Siviglia nell’estate del 2018 per 20 milioni di euro, è stato anche grazie ai successi raccolti insieme all’ex difensore del Bari.

ILYA KUTEPOV – Il difensore, oggi nel giro della nazionale russa, fino al gennaio 2016 milita nella seconda squadra dello Spartak Mosca. Da allora, però, anche grazie a Carrera, inanella prestazioni di alto livello, che lo hanno portato a disputare, fino a questo momento 13 partite nella selezione del suo Paese. A 27 anni, un traguardo non da poco.

MAURICIO – L’ex centrale laziale, finito ai margini del progetto tecnico del club di Lotito, accettò di trasferirsi in Russia, quattro anni fa, contribuendo alla vittoria del campionato locale, firmata dal neotecnico barese, con 11 presenze ed un gol, decisivo, contro il Terek Grozny. Da ormai tre anni milita nello Johor, in Malesia. Attualmente, il suo club è primo in classifica, dopo quattro scudetti consecutivi.  

FERNANDO – Il centrocampista brasiliano, con trascorsi alla Sampdoria, è stato uno dei giocatori fondamentali della compagine russa che, con Carrera, è tornata a vincere lo scudetto dopo 16 anni di astinenza. In quello Spartak, è lui la diga di centrocampo. Oggi, nello stesso ruolo, è una delle colonne del Beijing Guoan, arrivato fino alle semifinali per il titolo nello scorso campionato cinese. 

LUIZ ADRIANO – Dopo la sfortunata esperienza milanista, il centravanti verdeoro ha sposato la causa del club moscovita. È stato lui a siglare il gol che ha aperto le marcature nella finale di Supercoppa contro il Lokomotiv, terminata 2-1 per lo Spartak. Quest’anno, ha alzato al cielo la Libertadores con la maglia del Palmeiras.

MARIO PASALIC – Nel 2017, reduce dal prestito al Milan, ha accettato la corte dei biancorossi, trasferendosi nella capitale russa. Protagonista di un’ottima stagione, con 32 presenze e 5 gol, è partito da qui il suo rilancio, che lo vedrà accasarsi all’Atalanta, contribuendo alla sua maniera alle attuali fortune dei bergamaschi.

DANIELE VERDE – Il trentenne, scuola Roma, sembrava essersi perso, tra una sequela di cambi di casacca, tra A e B, e l’avventura all’estero, al Valladolid. A rivitalizzarlo ci ha pensato Carrera, con il quale, nella scorsa annata all’Aek Atene ha collezionato 30 presenze e 6 gol. Uno score che ha convinto lo Spezia ad investire su di lui, chiedendolo in prestito ai greci. Ora, la squadra di Italiano vola, mettendo insieme risultati sorprendenti, come la recente affermazione sul Milan. Tra gli interpreti, c’è anche il fantasista, capace di mettere a segno, fin qui, 4 reti tra campionato e Coppa Italia.

MARCO LIVAJA – Il talentuoso attaccante croato, celebre per il carattere complicato e per qualche intemperanza di troppo, nel 2019, alle dipendenze di Carrera ad Atene, ha segnato 17 volte, tra stagione regolare ed altre competizioni. Per lui, la miglior annata in carriera, sul piano realizzativo.

NELSON OLIVEIRA – L’uomo in più dell’Aek di Carrera. Quattordici segnature in 26 presenze nel primo anno in Grecia, miglior marcatore della compagine, che ha terminato lo scorso campionato in terza posizione. Una ripartenza in piena regola per il portoghese, che con la sua nazionale, nel 2012, arrivò al bronzo agli Europei. Successivamente, qualche annata in chiaroscuro in Gran Bretagna, prima del trasferimento in terra ellenica.

Sezione: Dieci... / Data: Mer 17 febbraio 2021 alle 15:30
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print